Alla scoperta degli Hamptons May 11 2016

Ciao Amici, ricordandovi che noi abbiamo il tour degli Hamptons (cliccate qui) vi presentiamo questo nuovo reportage di uno dei nostri urban explorer di punta.
Godetevelo.
Piero
 
 
Testo e foto di Luca Marfé
Facebook: Luca Marfé Photography - Twitter: @marfeluca - Instagram: @lucamarfe
 
 
New York e dintorni “Hamptons” è sinonimo di estate. Ma significa al tempo stesso molte cose: mare, oceano, tramonti mozzafiato. Ed anche e soprattutto deliziosa qualità della vita di un’America in cui il tempo sembra essersi fermato.
E così, se doveste avere voglia di distrarvi dalla giungla metropolitana di Manhattan, magari per un fine settimana romantico o più semplicemente in giornata per respirare atmosfere diverse, vi basterà noleggiare una macchina (cosa che da queste parti potete fare con meno di 50 dollari) ed in poco più di un’ora vi ritroverete con i piedi scalzi nella sabbia.
Imboccate la Long Island Expressway dal Queens, mettete su un po’ di buona musica e, dopo aver percorso un centinaio di chilometri, godetevi lo scenario.
Prima ancora di arrivare nel cuore pulsante della penisola di Long Island, concedetevi una tappa per il brunch al Lobster Grill Inn (162 West Inlet Road, Southampton). Un vecchio bastione dallo stile rustico, costruito proprio sul mare, dove con poco più di 20 dollari per persona potrete gustarvi aragoste e pesce freschissimo in un’atmosfera tipicamente americana.
E dove, grazie a delle simpatiche tovagliette, avrete modo di diventare dei veri e propri esperti in fatto di crostacei.
Cercate Cryder Beach sul navigatore, parcheggiate la vostra auto in uno dei tanti piazzali a disposizione e correte ad infilare i piedi nella sabbia.
La spiaggia vi sembrerà infinita, un po’ come il vento che soffia da queste parti anche in piena estate.
Ma il fascino dell’Oceano non si discute e, se riuscite a muovervi durante la settimana, vivrete la splendida illusione di averlo tutto per voi.
Occhio agli spostamenti attorno a Southampton: tutt’intorno ad un parco che si estende in pieno centro, infatti, vi capiterà di imbattervi nelle simpatiche papere ed anatre della zona. A spasso lungo sentieri e corsi d’acqua, sono la gioia dei bambini…e dei fotografi.
E dopo aver giocherellato con loro, concedetevi un momento di totale relax su una delle tante panchine in riva al mare.
Ma se volete assaggiare, in tutti i sensi, Southampton così come la vivono le persone del posto, non potete rinunciare a fare due passi sulla Main Street. L’orologio fermo su un’America di un altro tempo, piacevole, incantata. Dove una meravigliosa qualità della vita sembra essere l’equazione alla base di tutto. Con le boutique eleganti e la loro moda mare, i deliziosi mini market di lusso ed il gioiellino tutto italiano Sant Ambroeus, tappa obbligatoria per caffè espresso e pasticcini squisiti (30 Main Street, Southampton).
Girovagando qua e là, vi ritroverete ad ammirare ville sontuose, alcune delle quali in realtà “invisibili” per via di aiuole alte e serrate come le mura di una fortezza.
Madonna, Lady Gaga, Jennifer Lopez, Calvin Klein, Ralph Lauren: tanto per citare alcuni degli inquilini illustri.
Proprietà il cui valore oscilla tra i 10 ed i 100 milioni di dollari, per un mercato che si rivela di anno in anno più folle, soprattutto agli occhi di un europeo.
Prima di rientrare alla base, concedetevi un mini tour di Sag Harbor, splendida località situata sul versante nord degli Hamptons. Quello meno battuto dai turisti e, viceversa, preferito dai “veterani” della zona. Oltre alla splendida Long Beach, vale davvero la pena visitare il centro storico del villaggio e fermarsi per una bella foto ricordo ai piedi del vecchio mulino a vento, posizionato in maniera strategica proprio a due passi dal mare.
Un giro lento sulla rotonda e via, si torna a Manhattan.
Tramonto, musica rigorosamente americana e grattacieli a fare da sfondo ad una giornata che farete fatica a dimenticare.