Al primo viaggio a New York molti si dimenticano di portarlo. Ma è necessario January 25 2015 3 Comments

Siete arrivati a New York, e appena tentate di caricare il celluare, vi rendete conto di un piccolo parcolare. La spina elettrica non entra. E' diversa. Realizzate subito: vi manca un adattatore. Nessun problema, potete comprarlo facilmente  nei supermecati-farmacia (tipo Duane Reade, CVS), o nei negozi che vendono tutto a 99 centesimi di dollaro, ce ne sono diversi in città (per esempio Jacks’99 Cent Store), o nei negozi di elettronica piu' fidati (Best Buy, B&H) ma non dovete mai, e ripeto mai, acquistarlo  nei negozi di elettronica che si trovano nei pressi di Times Square, o nelle vie più turistiche. Perché lo paghereste troppo. Infatti questo piccolo apparato non vale piu' di 3 dollari.

Questo convertitore di cui vi parlo, e che vi mostro in foto, adatta la spina, ma non cambia il voltaggio, quindi avrete il voltaggio americano, che è meno potente 110-120 V (in Italia 240 V). Non dovrebbe essere un problema, tutti gli apparecchi oramai sostengono il doppio voltaggio. Nei pochi casi in cui non dovesse essere così, avrete bisogno di un trasformatore. Che è un altro apparecchio, diverso, e pesa. Quindi vi auguro di non averne bisogno.

Lo stesso vale per gli apparecchi di elettronica che comprerete a New York, per poi portarli in Italia. Sicuramente dovrete cambiare la presa  e utilizzare quella europea (o usare un adattatore: da presa americana a presa europea) Ma con il voltaggio non ci saranno problemi. In ogni caso chiedete sempre prima di acquistare se l'apparecchio regge il doppio voltaggio. Così, per sicurezza. Con i prodotti Apple state tranquilli, nessun problema. Mentre se comprate una lampadina  a New York (perché poi dovreste comprarla? Bah), in Italia esploderà.