Notizie, curiosita',aneddoti, e fantasie su New York – tagged "mangiare" – ilmioviaggioanewyork

Autenticamente New York

I migliori cupcakes di New York: dove trovarli November 06 2017 1 Comment

Christopher Cammarano

I cupcakes, come l'hamburger, sono uno degli altri simboli culinari dell'America e di New York. Queste piccole tortine dai gusti più disparati piacciono a tutti e si trovano in vari gusti e sapori. Ecco, quando sono stato a NY mi sono chiesto: ma dove mangiare i migliori cupcakes di New York? Ed ecco una mia personale classifica, tutta da gustare! 

I migliori cupcakes di New York

1. Magnolia Bakery

401 Bleecker St, New York, NY 10014, Stati Uniti

Fondata nel 1996, Magnolia Bakery è probabilmente la catena di cupcake bakery più famosa a New York. Nata inizialmente come una piccola realtà, oggi conta diversi store sparsi per NYC ma la sede più antica si trova su Bleecker Street. 

La varietà di cupcakes offerti è davvero enorme ma la vera punta di diamante è la versione Red Velvet, che deve il suo nome al colore rosso accesso dell'impasto. Ogni cupcake costa tra $2.75 e i $3.50. 

migliori cupcakes di New York

2. Two Little Red Hens

1652 2nd Ave, New York, NY 10028, Stati Uniti

Conosciuto e premiato per la sua cheesecake, Two Little Red Hens è amato anche per i suoi cupcakes. Qui la scelta obbligatoria è il Brooklyn blackout, un cupcake di cioccolato farcito con budino al cioccolato (in poche parole una vera bomba). Il locale è piccolo ed accogliente ma ci sono pochissimi posti a sedere. I mini cupcake costano $1.75, quelli normali partono da $3.

Migliori Cupcakes New York

3. Georgetown Cupcake

111 Mercer St, New York, NY 10012, Stati Uniti

Cupcake bakery che vede le sue origini nascere a Washington DC, oggi Georgetown Cupcake è un vero e proprio impero con store in tutti gli USA ed anche un programma TV dedicato. Il locale di New York si trova a Soho ed al suo interno è possibile trovare cucpakes per tutti i gusti (ben 20 tipologie differenti ogni giorno). I prezzi vanno dai $2.75 in su. 

migliori cupcakes di New York

 

4. Amy's Bread

250 Bleecker St, New York, NY 10014, Stati Uniti

Non lasciatevi ingannare dal nome, Amy's bread è un panificio ma le prelibatezze che si trovano qui spaziano dal pane ai dolci (in particolar modo cupcakes). Ci sono diversi store disseminati per New York ma il più famoso è quello che si trova nel Village, al numero 250 di Bleecker Street. Quale cupcake vi consiglio? Assolutamente il Devil's Food Cake, un tripudio di cioccolato di cui vi innamorerete. 

migliori cupcakes di New York

5. Molly's Cupcakes

228 Bleecker St, New York, NY 10014, Stati Uniti

Nata a Chicago questa bakery ora si trova anche a New York. La storia dietro Molly's Cupcakes merita di essere raccontata: Mollys era il nome dell'insegnante dell'elementari del proprietario che ogni volta che un suo alunno festeggiava il compleanno preparava questi dolcetti. L'interno del locale infatti si ispira all'ambiente scolastico con tavolini ricavati da vecchi banchi di scuola e della altalene al posto dei tipici sgabelli al bancone!

Qui è possibile trovare cupcakes di tutti i tipi, dai più classici a quelli più elaborati. Ma la vera caratteristica di di Molly's sono i cupcakes ripieni con creme come: Cake Batter, Creme Brulée, peanut butter Nutella, Cookie Monster e tanti altri. 

migliori cupcake di New York

Se siete amanti del dolci questi sono i migliori cupcakes di New York e vanno decisamente provati, anche tutti se ci riuscite!


Pastrami a New York: i posti migliori dove mangiarlo October 24 2017 1 Comment

Christopher Cammarano

Quando si visita un luogo andare alla ricerca del cibo del posto è uno degli obbiettivi più divertenti anche se in una città come New York questa missione abbraccia un contesto globale. Il pastrami a New York infatti è arrivato grazie agli emigranti romeni che a loro volta furono influenzati dalla cultura Turca. 

Nasce originariamente come metodo di conservazione tramite il quale si mescolavano vari tipi di carne (manzo, maiale, pollo) con sali e spezie in abbondanza per poi affumicarli e cuocerli al vapore.

Il pastrami newyorkese ha acquisito nel tempo una identità più definita e tradizione vuole che sia composto da carne di manzo servita tra due fette di pane di segale ed infine guarnito con della mostarda. Esistono comunque tante varianti diverse sia per il tipo di carne che per i condimenti.

Pastrami a New York

New York è ormai piena di posti dove il pastrami la fa da padrone ma quali sono i migliori? Scopriamolo insieme in questa personale classifica!

1. Katz’s Delicatessen

Il re incontrastato del pastrami a New York è decisamente lui, Katz’s Delicatessen. Locale storico che da 128 anni a questa parte ha cambiato davvero poco della sua originaria bontà. Non aspettatevi un locale sfarzoso o cosa: qui si vive la storia di New York e a testimoniarlo sono i muri resi ormai quasi irriconoscibili dalle infinite foto di celebrità di diverse epoche. 

pastrami a New York

2. 2nd Ave Deli

Locale nuovo rispetto a Katz’s Delicatessen ma che fa della storia e della tradizione il suo vanto. Originariamente situato nell'East Village ora il locale è gestito dai fratelli Josh and Jeremy Lebewohl, nipoti del fondatore, che hanno scelto di restare fedeli alle tradizioni tramandategli dal nonno ed offrire un pastrami genuino. 

pastrami a New York

3. Pastrami Queen

Punto di riferimento per chi bazzica l'Upper East Side, il Pastrami Queen è un piccolo locale che ha pochi posti a sedere ma tanta bontà da offrire. Durante gli orari dei pasti la fila potrebbe essere demotivante ma non lasciatevi scappare l'occasione di provare uno dei migliori pastrami a New York. Trovandosi poi a 5 minuti di distanza da Central Park potete prendere un sandwich take away e gustarlo in mezzo al verde. 

pastrami a New York

4. Harry & Ida's Meat and Supply Co.

Situato nell'East Village, nonostante abbia aperto da soli due anni è diventato subito un punto di riferimento per gli amanti del pastrami. Rispetto ai Deli visti prima qui il pastrami lo si può trovare sia in vesti tradizionali che innovative ma la bontà rimane assicurata. 

pastrami a New York

 

Se dopo aver letto questo articolo vi è venuta l'acquolina in bocca non vi preoccupate, è normale! Adesso non vi resta che provare una di queste delizie e farci sapere i vostri pareri nei commenti. 


Quanto costa vivere a New York? Facciamo due conti April 19 2015 12 Comments

Quanto costa vivere a New York? La risposta è: dipende. Dipende da che vita amate fare. Città per ricchi milionari, ma anche per poveri che vanno a scrocco a tutti gli eventi per mangiare, o prendono il caffè gratis nelle sale d'aspetto degli hotel.

Ma prendiamo un prototipo di italiano che si vuole trasferire a New York. Ha 30 anni, e lo chiamiamo Michele. Vediamo quanto spenderà Michele ogni mese, facendogli fare una vita da classe media. Ma senza rinunciare a nulla.

Casa dolce casa!

La prima cosa che si chiede Michele è dove vivere.  Vuole vivere solo o con altri? Vuole vivere a Manhattan o a Brooklyn? Oppure nel Queens? Michele vede un po’ gli annunci su Craiglist e scopre che con il suo budget, 1000 dollari al mese, può permettersi una stanza in affitto in un appartamento condiviso con altri due coinquilini, ad Astoria nel Queens o a Williamsburg in un edificio un po’ vecchio, oppure deve andare ad Harlem nell’estremità nord di Manhattan. Se volesse stare in una zona carina di Manhattan, per quella cifra, troverebbe solo qualche topaia nell’East Village, o dovrebbe dividere l’appartamento con un numero troppo alto di persone.

E per stare da solo? Se volesse vivere da solo, con 1500 dollari, troverebbe qualcosa nel Queens, ad Astoria, o anche a Brooklyn tipo a Bushwick, o ad Harlem. Per la zona downtown di Manhattan (Village, Soho) dovrebbe partire da almeno 1800 dollari al mese, ma più verosimilmente a partire da 2000. Se poi fosse in cerca di un edificio moderno, un grattacielo residenziale, allora dovrebbe iniziare dai 2500$.

No, il nostro caro Michele opta per una stanza ad Astoria da 1000 dollari al mese, con due coinquilini e un bagno solo. Anche sporchina la casa, ma pazienza. Si trova però vicino alla metropolitana, e per arrivare all’Apple Store della Fifth Avenue ci mette meno di dieci minuti in metro. E la metropolitana può prenderla 24 ore al giorno.

Metropolitana e cellulare

Ma quanto gli costa? L’abbonamento di un mese per la gloriosa metro di New York gli costa 116.50$, e visto che un biglietto per una corsa singola lo paghi 2.75$,se fa più di 42 corse gli conviene l’abbonamento. Michele almeno due volte al giorno la metro la prende, 60 corse le fa, decide che conviene il mensile. Ora una stanza ce l’ha, l’abbonamento ce l’ha, gli manca il telefono. Qui ha una brutta sorpresa, nel senso che tutti gli abbonamenti partono da un minimo di 50 dollari al mese, con chiamate e messaggi illimitati, ma se vuole almeno 5GB di internet a velocità 4G deve pagare70$. Ci pensa un po’, e decide che il sacrificio vale la pena. L’internet 4 G è utile, a New York si sta spesso per strada, e si comunica molto. Esser tagliati fuori in una città di networking non è una bella cosa.

Luce e internet a casa

Per concludere le spese di base deve pagare elettricità e internet. Come già detto divide l'appartamento con i coinquilini, quindi non spende troppo. Internet costa in totale 72 dollari al mese, ma lo divide per tre e paga 24 dollari. Di elettricità si rende conto che paga all’incirca 40 dollari al mese d’inverno (solo la sua quota), d’estate invece con l’aria condizionata arriva a 60-70.

New York da bere (e da mangiare)

Fin qui le spese di base, quelle necessarie per vivere dignitosamente. Ora questione cibo! Michele sa  che almeno due volte a settimana cenerà fuori. Una cena costa minimo 20 dollari a persona, ma molto facilmente si arriva a 50-60 (tra mancia e tasse, pork!) . Oltre questa somma Michele non ci va perché si sentirebbe male a spendere 80 dollari per una cena (una volta gli è successo, e si è sentito davvero male haha) . E quindi mette in bilancio 40 dollari a cena, circa 80 dollari a settimana, che fanno 320 dollari al mese. Poi ovviamente Michele ha voglia di divertirsi, un paio di serate fuori a bere a settimana non se le fa mancare, oltre a diversi happy hour. Quando esce il fine settimana, venerdì e sabato, beve circa tre, quattro drink a sera, e va in locali carini ed eleganti. In media spende quindi 50 dollari il sabato, 50 il venerdì, più qualche happy hour durante la settimana, ma lì paga a metà prezzo e se la cava con 20 dollari. Dunque in tutto sono 140 dollari a settimana di drink. 560 dollari al mese.  

Ma quando non mangia fuori, mangerà a casa. In realtà lavora a Midtown, e pranza nei Deli che ci sono lì vicino, o nei ristoranti che fanno il lunch speciale. Si paga a peso, e in genere se la cava con 10 dollari al giorno, per cinque giorni, a cui va aggiunto il caffè e il cornetto la mattina, a volte uno yogurt, in tutto 5-6 dollari di colazione e caffè  ogni giorno. Facendo i calcoli siamo a 75-80 dollari a settimana, sono 320 al mese.

Per fare la spesa per casa, considerato che mangia sempre fuori, se la cava con un 50-70 dollari a settimana. Altri 240 dollari al mese.

Mamma non c'è, e i panni chi li lava? 

Infine ci sono due altre spese che vanno considerate. La lavanderia. Una camicia la lavi pagando dai 2 dollari ai 3 dollari, mentre il resto va a peso. Le case newyorkesi non hanno le lavatrici, e nelle lavanderie a gettoni si perde troppo tempo. Altrimenti risparmierebbe. Si è fatto i calcoli, e spende circa 120 dollari al mese in lavanderia. E infine i taxi, che se vai di fretta, o sei stanco di sera, ogni tanto ci scappa. E sono altre 100 dollari al mese minimo.

Bisognerà pure vestirsi

Infine i vestiti. Michele ovviamente qui risparmia parecchio, perché vive a New York e  sa quando ci sono i grandi sconti, sa dove andare a cercare, e non veste Armani, si accontenta di Banana Republic. Quindi in genere durante l’anno non spende più di 1200 dollari. Che sono 100 dollari al mese.

Infine varie ed eventuali: un viaggetto fuori porta, un invito a cena a una ragazza, perde la chiave di casa e deve chiamare il ferramenta. Spalmati lungo un anno, gli imprevisti sono altri 60 dollari al mese.

Dunque facciamo i calcoli.  Addizioniamo tutto e arriviamo alla conclusione che per fare la vita da classe media single Michele deve spendere:  3080.5 dollari al mese!  

Chiaramente se riesce a dimezzare i soldi per cibo, vestiti e uscite, Michele può cavarsela con 2380.5 dollari al mese.

Ecco non si può dire che la vita sia economica!

 

Ecco l'elenco delle spese:

1000 $ affitto

116.50 $ metro

70 $ telefono

24 $ internet

50 $ elettricità

320$ cene fuori

560$ serate nei finesettimana e bevute varie

320$ colazione e pranzo a Midtown

240$ spesa per la casa e per la spesa

120$ lavanderia

100$ taxi

100$ vestiti

60$ imprevisti

Assicurazione sanitaria (vi auguro ve la paghi l'azienda, altrimenti dai 200$ al mese in su)


I quattro migliori hot dog di New York April 08 2015 2 Comments

1) Papaya dog

Una istituzione nel West Village, aperto 24 ore al giorno, preso d'assalto da studenti, giovani, animali notturni. Prezzi popolari, come da tradizione, e tante varietà di hot dog. Tra cui anche quello di tacchino. La dieta la potete rimandare. Anzi la dovete rimandare!

 

2) Crif Dogs

Posticino malandato, con videogiochi d'epoca all'entrata, e un aspetto punk molto in linea con la via in cui si trova. St. Mark Place. C'è una particolarità. All'interno, passando attraverso una cabina telefonica, si entra da Please Don't Tell, uno dei bar segreti migliori al mondo. Ma in questo caso vi invito ad andare soprattutto per gli hot dog. Ricordatevi l'insegna dell'Hot dog con su scritto Eat Me. Mangiami. Divorami. Chiaro no?

 

 

3) Papaya King

Luci al neon, e tanto tanto giallo. Si tratta di Papaya King, uno dei luoghi storici newyorkesi. Hot dog in tutte le salse. In realtà il primo punto vendita aprì sulla 86ima nel 1932. Ancora oggi esiste (179 East 86th Street), ma se non volete spingervi così lontano, c'è quello dell'East Village, che vi mostro nella foto. 

4) Nathan's Famous

Qui, da Nathan's, vuole la leggenda, è nato l'hot dog, nel cuore di Coney Island. E qui si tiene ogni anno la famosissima gara a chi mangia piu' hot dog, seguita da tanti fan in tutti gli Stati Uniti. Ma se non voletevi spingervi così lontano, ci vuole circa un'ora di metro per arrivare, potete andare anche dal Nathan's che si trova vicino Times Square (lo trovate sulla mappa).