Notizie, curiosita',aneddoti, e fantasie su New York – tagged "spese" – ilmioviaggioanewyork

Autenticamente New York

FAO Schwarz: il negozio di giocattoli più famoso di New York November 28 2018

Come annunciato, questo novembre ha riaperto FAO Schwarz, il negozio di giocattoli più famoso di New York. Si tratta di un negozio storico della città, amato da piccoli e grandi e frutto di una lunga tradizione.

FAO Schwarz oggi

FAO Schwarz è una vera e propria istituzione nella Grande Mela ed ha fatto sognare tantissime generazioni guadagnandosi lo status di icona per la sua presenza in molteplici film americani.

Per questo motivo, quando ha chiuso i battenti tre anni fa, il 15 luglio 2105, sia i newyorkesi sia i turisti non hanno accolto in maniera positiva la notizia.

Il negozio era diventato un’attrazione turistica a tutti gli effetti ma, i costi di gestione e la forte concorrenza con i competitors online, ha portato la Toys’R’Us ad annunciarne la chiusura.

Come era prevedibile, la sua riapertura ha suscitato tanto entusiasmo! Il fatto che sia avvenuta nel mese che precede il Natale, non è affatto casuale. E’ il mese in cui inizia la stagione degli acquisti natalizi e FAO Schwarz si prospetta come il negozio ideale per i regali di Natale.

 Nuovo FAO Schwarz

Ecco il video in cui entro, per la prima volta, nel nuovo FAO Schwarz nei pressi del Rockefeller Center: 

 

LA STORIA

Com’è nato FAO Schwarz? La storia che c’è dietro al famoso negozio di giocattoli di New York risale al XIX secolo. Era il 1862 quando l’immigrato tedesco Frederick August Otto Schwarz fondò, a Baltimora, la FAO Schwarz con il nome di Toy Bazaar.

In poco tempo il negozio divenne un punto di riferimento nel mondo dei giocattoli e ne furono aperti altri a Boston, Philadelphia e a New York. Quello di New York, al 765 della Broadway, per molto tempo è stato considerato il quartier generale di Babbo Natale, Original Santa Claus Headquarter.

FAO Schwarz storia

Nel 1985 è stata aperta la sede storica della FAO Schwarz, al 745 della Fifth Avenue, all’interno del General Motors Building. Questo locale godeva di una posizione strategica: nelle vicinanze della Apple, di Tiffany e dell’ingresso sud di Central Park.

Il negozio FAO Schwarz sulla quinta strada è stato indubbiamente un’importante vetrina per il brand fino alla sua chiusura nel 2015.

FAO Schwarz

FAO Schwarz

  

IL NUOVO FAO SCHWARZ

Il nuovo negozio FAO Schwarz si trova presso il Rockefeller Center ed ha preso il posto dell’NBC Experience Store. In uno spazio di 19.000 mq, l’obiettivo è quello di creare delle vere e proprie esperienze sia per i più piccoli sia per gli adulti. 

Dunque, non un semplice negozio in cui acquistare giocattoli ma un parco giochi in cui divertirsi e cimentarsi in attività e giochi coinvolgenti. I dipendenti vestono i panni di personaggi in costume e maghi che si dilettano in dimostrazioni ed interagiscono con il pubblico. 

L’intero negozio è stato progettato e realizzato all’insegna del Return to Wonder, il ritornare a meravigliarsi.

Il pianoforte di FAO Schwarz

Nel nuovo store non manca il mitico pianoforte su cui Tom Hanks danza nel film Big del 1988. Un momento che è passato nella storia ed ha creato il mito di FAO Schwarz. 

 

COME RAGGIUNGERLO

Come suddetto, il nuovo store FAO Schwarz si trova nei pressi del Rockefeller Center, tra quinta e la sesta strada e tra la 48esima e la 51esima strada.

Su Google Maps, l’indirizzo da inserire è: 30 Rockefeller Plaza, New York, NY 10111

Come raggiungere FAO Schwarz

La fermata della metropolitana più vicina è la 47-50 Streets/Rockefeller Center ed è servita dalle linee B, D, F e V.

Sul sito sono riportati gli orari di apertura del negozio e le eventuali chiusure eccezionali.

 

APPARIZIONI NEI FILM

Oltre a Big del 1988 con Tom Hanks, FAO Schwarz è comparso nei seguenti film:

  • Baby Boom (1987)
  • Affari d’oro (1988)
  • Mamma mi sono perso a New York (1992) 
  • Amore con interessi (1993)
  • La dea dell’amore (1995)
  • Eyes Wide Shut (1999)
  • I Puffi (2011)

Black Friday a New York: i negozi da non perdere November 21 2018 1 Comment

Manca davvero poco ad uno dei giorni più attesi dagli americani e non solo: il Black Friday! Il venerdì più desiderato dell’anno è diventato, ormai, una consuetudine anche al di fuori dei confini americani. Si tratta di un giorno speciale durante il quale vengono applicati, sia nei negozi fisici sia online, sconti e offerte da non lasciarsi sfuggire.

Macy's Black Friday

 

Il Black Friday, che letteralmente si traduce con “venerdì nero”, cade sempre il venerdì successivo al giorno del Ringraziamento (il Thanksgiving day). Quest’anno, nel 2018, il giorno fortunato sarà venerdì 23 novembre.

 

Com’è nata la tradizione del Black Friday?

Macy’s ha dato il via a questa ricorrenza. Era il 1924 quando la catena di grandi magazzini organizzò la prima parata del ringraziamento e diede inizio alla stagione degli acquisti natalizi. Tuttavia, è stato solo negli anni 80 e 90 che la fama del Black Friday è cresciuta.

Oggi, il Black Friday è il momento dell’anno che gli amanti dello shopping attendono con maggiore trepidazione.

Black Friday

 

Vivere questa giornata a New York è un’esperienza unica. Dunque, se siete nella Grande Mela non potete lasciarvi scappare l’occasione di immergervi nell’ “atmosfera” del Black Friday e di dare il via ai vostri acquisti natalizi. Sono migliaia le persone che vanno alla ricerca dell'offerta migliore (si può arrivare ad usufruire fino all’80% di sconto).

Acquisti natalizi 

Per godersi a pieno i vantaggi e le occasioni del Black Friday, non c’è alcun dubbio: bisogna essere preparati. Infatti, durante questa giornata, le file dinanzi ai negozi non mancano!

Il consiglio è quello di stilare un elenco di punti vendita che volete visitare e di svegliarvi presto con le idee chiare su dove andare.

Per questo motivo, vi riporto i negozi migliori e più gettonati a New York durante lo shopping del Black Friday. Vi ho indicato anche gli orari di apertura, così da potervi organizzare al meglio.

Prendete nota: in molti casi, gli sconti vengono applicati già dal giorno precedente.

 

MACY’S

Se si pensa ad un grande magazzino, probabilmente verrà in mente Macy’s, uno dei più importanti al mondo.

Ogni anno, apre le porte alle 17.00 del giorno del Ringraziamento e resta aperto fino alle 2.00 del mattino. Mentre il giorno seguente, in occasione del Black Friday, Macy’s apre alle 6.00.

Macy's

 

APPLE STORE

Gli sconti in un Apple Store? Il Black Friday rende possibile anche questo!

Se siete amanti dei prodotti tecnologici, è d'obbligo una visita al negozio Apple durante il venerdì nero.

 Apple Store

 

BEST BUY

Altro negozio per gli amanti della tecnologia e dell’elettronica è Best Buy.

Si tratta del più grande rivenditore di elettronica di consumo negli USA e, per il Black Friday, riserva delle offerte imperdibili.

Best Buy Black Friday 

 

CENTURY 21

Quest'outlet di moda ha diversi puti vendita a New York e, normalmente, rappresenta un punto di riferimento per chi cerca l’affare. Durante il Black Friday ancor di più!

Per il giorno del Ringraziamento apre dalle 11.00 alle 17.00, mentre per il venerdì nero dalle 7.00 alle 22.00.

 Century 21 Black Friday

  

LORD & TAYLOR

Lord & Taylor è la più antica catena di grandi magazzini orientati al mondo luxury ed è famosa per le sue spettacolari vetrine che, durante il periodo natalizio, lasciano senza fiato!

Per il Black Friday, così come per Macy’s, l’apertura è prevista già dalle 6.00 del mattino, mentre la chiusura avviene alle 10.00 di sera. 

 Lord & Taylor Black Friday

 

SAKS OFF FIFTH AVENUE

E’ una catena statunitense di grandi magazzini che vende prodotti di lusso. La mattina del Black Friday l’apertura è prevista alle ore 7.00.

 Saks Off Fifth Avenue

 

JCPENNEY

Da JCPenney troverete diverse categorie di prodotto: elettronica, abbigliamento, cosmetica, etc. Nel giorno del Ringraziamento, il negozio è aperto dalle ore 15.00 fino a tutta la notte.

 JCPenney Black Friday


L'assicurazione sanitaria per un viaggio a New York October 30 2018 1 Comment

 

State programmando un viaggio a New York?

Probabilmente, avrete già iniziato a scorrere le offerte dei voli e a consultare le differenti possibilità di alloggio durante la vostra vacanza. Ma... attenzione! C’è un aspetto rilevante e da non trascurare nell’organizzazione di un viaggio nella Grande Mela. Sto parlando dell’assicurazione sanitaria.

 

New York

 

Una premessa importante da fare è che negli Stati Uniti non esiste un sistema sanitario nazionale come quello che conosciamo in Italia.

Negli USA l’assistenza e le cure mediche sono a pagamento. Ciò significa, che l’assistenza sanitaria non è a carico dello Stato e non avviene tramite il pagamento di un ticket. Sono in primis i cittadini americani a ricorrere all'assicurazione sanitaria in modo tale che le spese mediche siano completamente coperte.

 

Visita medica

 

Assicurazione sanitaria USA: obbligo o necessità?

La domanda sorge spontanea: per un viaggio a New York e, più in generale negli Stati Uniti, è obbligatorio stipulare un’assicurazione sanitaria? La risposta è NO! Non c’è nessun obbligo ad acquistare un’assicurazione sanitaria. Tuttavia c’è la necessità di farlo!

Il sistema sanitario nazionale italiano non copre nessuna spesa relativa alle cure mediche negli USA, neppure una visita al pronto soccorso. Anche per un banale infortunio si possono spendere migliaia di dollari. Non è uno scherzo! Basti pensare che solo il costo dell’ambulanza si aggira tra i 400$ e i 1.200$... una visita al pronto soccorso può arrivare a costare 3.000$... un braccio rotto dai 2.500$ in su…

 

Risparmio denaro

 

Non ci sono dubbi: se non vogliamo compromettere la vacanza e, addirittura, rischiare di non riuscire a sostenere il pagamento di cure mediche indispensabili, è necessario stipulare un’assicurazione sanitaria per il nostro viaggio.

 

Assicurazione sanitaria

 

Assicurazione sanitaria USA: quando farla?

La risposta è: prima di partire per la nostra vacanza!

Quando si procede con la prenotazione del volo, diverse compagnie aeree consentono di acquistare direttamente l’assicurazione per il viaggio (es. copertura nel caso di smarrimento del bagaglio) e per le spese mediche. Tuttavia, a volte, risulta più conveniente acquistare la polizza direttamente sul sito della compagnia assicurativa e, magari, usufruire di speciali codici sconto.

 

Ricerca sui siti di assicurazione

Il consiglio è quello di confrontare le diverse possibilità e di trovare quella più adeguata alle proprie esigenze.  

 

Assicurazione sanitaria USA: come scegliere

Ci sono diversi parametri da valutare e che indirizzeranno la vostra scelta: 

  • Massimale di copertura: il consiglio è quello di optare per un massimale di spese mediche illimitato o, comunque, elevato così da non incorrere in rischi di mancata copertura.

  • Anticipo delle spese: prestate attenzione, perché, alcune compagnie prevedono che siate voi ad anticipare le spese per poi richiedere il rimborso. Il consiglio è di scegliere una compagnia assicurativa che paghi direttamente le spese mediche ospedaliere. Controllate, dunque, che sia previsto il pagamento diretto da parte della compagnia.
  • Franchigia: è quella parte di danno che resta a vostro carico. Alcune compagnie assicurative offrono polizze con una franchigia di qualche centinaio di euro. E’ un aspetto da valutare!
  • Copertura delle spese mediche derivanti da condizioni preesistenti: la maggior parte delle polizze, non prevede il pagamento di cure e/o ricoveri legati ad una condizione cronica che ha già richiesto delle cure (di solito fino a due anni prima).
  • Assistenza in italiano in qualunque momento: non è una banalità! Ricevere un’assistenza in italiano 24 ore su 24, vi permetterà di affrontare qualsiasi tipo di situazione.

 

In conclusione, il suggerimento è quello di affidarvi a compagnie assicurative solide e che possano garantirvi un servizio efficace ed efficiente! Di seguito riporto le più gettonate.


Quanto costa vivere a New York? Facciamo due conti April 19 2015 13 Comments

Quanto costa vivere a New York? La risposta è: dipende. Dipende da che vita amate fare. Città per ricchi milionari, ma anche per poveri che vanno a scrocco a tutti gli eventi per mangiare, o prendono il caffè gratis nelle sale d'aspetto degli hotel.

Ma prendiamo un prototipo di italiano che si vuole trasferire a New York. Ha 30 anni, e lo chiamiamo Michele. Vediamo quanto spenderà Michele ogni mese, facendogli fare una vita da classe media. Ma senza rinunciare a nulla.

Casa dolce casa!

La prima cosa che si chiede Michele è dove vivere.  Vuole vivere solo o con altri? Vuole vivere a Manhattan o a Brooklyn? Oppure nel Queens? Michele vede un po’ gli annunci su Craiglist e scopre che con il suo budget, 1000 dollari al mese, può permettersi una stanza in affitto in un appartamento condiviso con altri due coinquilini, ad Astoria nel Queens o a Williamsburg in un edificio un po’ vecchio, oppure deve andare ad Harlem nell’estremità nord di Manhattan. Se volesse stare in una zona carina di Manhattan, per quella cifra, troverebbe solo qualche topaia nell’East Village, o dovrebbe dividere l’appartamento con un numero troppo alto di persone.

E per stare da solo? Se volesse vivere da solo, con 1500 dollari, troverebbe qualcosa nel Queens, ad Astoria, o anche a Brooklyn tipo a Bushwick, o ad Harlem. Per la zona downtown di Manhattan (Village, Soho) dovrebbe partire da almeno 1800 dollari al mese, ma più verosimilmente a partire da 2000. Se poi fosse in cerca di un edificio moderno, un grattacielo residenziale, allora dovrebbe iniziare dai 2500$.

No, il nostro caro Michele opta per una stanza ad Astoria da 1000 dollari al mese, con due coinquilini e un bagno solo. Anche sporchina la casa, ma pazienza. Si trova però vicino alla metropolitana, e per arrivare all’Apple Store della Fifth Avenue ci mette meno di dieci minuti in metro. E la metropolitana può prenderla 24 ore al giorno.

Metropolitana e cellulare

Ma quanto gli costa? L’abbonamento di un mese per la gloriosa metro di New York gli costa 116.50$, e visto che un biglietto per una corsa singola lo paghi 2.75$,se fa più di 42 corse gli conviene l’abbonamento. Michele almeno due volte al giorno la metro la prende, 60 corse le fa, decide che conviene il mensile. Ora una stanza ce l’ha, l’abbonamento ce l’ha, gli manca il telefono. Qui ha una brutta sorpresa, nel senso che tutti gli abbonamenti partono da un minimo di 50 dollari al mese, con chiamate e messaggi illimitati, ma se vuole almeno 5GB di internet a velocità 4G deve pagare70$. Ci pensa un po’, e decide che il sacrificio vale la pena. L’internet 4 G è utile, a New York si sta spesso per strada, e si comunica molto. Esser tagliati fuori in una città di networking non è una bella cosa.

Luce e internet a casa

Per concludere le spese di base deve pagare elettricità e internet. Come già detto divide l'appartamento con i coinquilini, quindi non spende troppo. Internet costa in totale 72 dollari al mese, ma lo divide per tre e paga 24 dollari. Di elettricità si rende conto che paga all’incirca 40 dollari al mese d’inverno (solo la sua quota), d’estate invece con l’aria condizionata arriva a 60-70.

New York da bere (e da mangiare)

Fin qui le spese di base, quelle necessarie per vivere dignitosamente. Ora questione cibo! Michele sa  che almeno due volte a settimana cenerà fuori. Una cena costa minimo 20 dollari a persona, ma molto facilmente si arriva a 50-60 (tra mancia e tasse, pork!) . Oltre questa somma Michele non ci va perché si sentirebbe male a spendere 80 dollari per una cena (una volta gli è successo, e si è sentito davvero male haha) . E quindi mette in bilancio 40 dollari a cena, circa 80 dollari a settimana, che fanno 320 dollari al mese. Poi ovviamente Michele ha voglia di divertirsi, un paio di serate fuori a bere a settimana non se le fa mancare, oltre a diversi happy hour. Quando esce il fine settimana, venerdì e sabato, beve circa tre, quattro drink a sera, e va in locali carini ed eleganti. In media spende quindi 50 dollari il sabato, 50 il venerdì, più qualche happy hour durante la settimana, ma lì paga a metà prezzo e se la cava con 20 dollari. Dunque in tutto sono 140 dollari a settimana di drink. 560 dollari al mese.  

Ma quando non mangia fuori, mangerà a casa. In realtà lavora a Midtown, e pranza nei Deli che ci sono lì vicino, o nei ristoranti che fanno il lunch speciale. Si paga a peso, e in genere se la cava con 10 dollari al giorno, per cinque giorni, a cui va aggiunto il caffè e il cornetto la mattina, a volte uno yogurt, in tutto 5-6 dollari di colazione e caffè  ogni giorno. Facendo i calcoli siamo a 75-80 dollari a settimana, sono 320 al mese.

Per fare la spesa per casa, considerato che mangia sempre fuori, se la cava con un 50-70 dollari a settimana. Altri 240 dollari al mese.

Mamma non c'è, e i panni chi li lava? 

Infine ci sono due altre spese che vanno considerate. La lavanderia. Una camicia la lavi pagando dai 2 dollari ai 3 dollari, mentre il resto va a peso. Le case newyorkesi non hanno le lavatrici, e nelle lavanderie a gettoni si perde troppo tempo. Altrimenti risparmierebbe. Si è fatto i calcoli, e spende circa 120 dollari al mese in lavanderia. E infine i taxi, che se vai di fretta, o sei stanco di sera, ogni tanto ci scappa. E sono altre 100 dollari al mese minimo.

Bisognerà pure vestirsi

Infine i vestiti. Michele ovviamente qui risparmia parecchio, perché vive a New York e  sa quando ci sono i grandi sconti, sa dove andare a cercare, e non veste Armani, si accontenta di Banana Republic. Quindi in genere durante l’anno non spende più di 1200 dollari. Che sono 100 dollari al mese.

Infine varie ed eventuali: un viaggetto fuori porta, un invito a cena a una ragazza, perde la chiave di casa e deve chiamare il ferramenta. Spalmati lungo un anno, gli imprevisti sono altri 60 dollari al mese.

Dunque facciamo i calcoli.  Addizioniamo tutto e arriviamo alla conclusione che per fare la vita da classe media single Michele deve spendere:  3080.5 dollari al mese!  

Chiaramente se riesce a dimezzare i soldi per cibo, vestiti e uscite, Michele può cavarsela con 2380.5 dollari al mese.

Ecco non si può dire che la vita sia economica!

 

Ecco l'elenco delle spese:

1000 $ affitto

116.50 $ metro

70 $ telefono

24 $ internet

50 $ elettricità

320$ cene fuori

560$ serate nei finesettimana e bevute varie

320$ colazione e pranzo a Midtown

240$ spesa per la casa e per la spesa

120$ lavanderia

100$ taxi

100$ vestiti

60$ imprevisti

Assicurazione sanitaria (vi auguro ve la paghi l'azienda, altrimenti dai 200$ al mese in su)