Notizie, curiosita',aneddoti, e fantasie su New York – tagged "Stati Uniti" – ilmioviaggioanewyork

Autenticamente New York

La lotteria della Green Card: il sogno di vivere negli Stati Uniti October 04 2019 11 Comments

Il vostro sogno è quello di vivere a New York? o, più in generale, negli Stati Uniti? Non è un sogno impossibile da coronare! Innanzitutto, potete provare a realizzarlo grazie alla lotteria della Green Card, la Green Card Lottery

Eh, già.. finalmente, ci siamo! Non bisogna più aspettare. Dal 2 ottobre di quest’anno (2019) si sono aperte le registrazioni per prendere parte all’estrazione; esse termineranno martedì 5 novembre alle ore 18:00 (ora italiana). Dunque, c’è una sola cosa da fare: partecipare.

Di seguito, vi spiego in cosa consiste la Green Card e come fare per partecipare alla lotteria.

Green Card

 

Green Card: cos’è

La Green Card, conosciuta anche come Permanent Resident Card, è un permesso nominale di residenza negli Stati Uniti d’America che permette ad uno straniero di risiedere negli USA per un periodo di tempo illimitato. Quindi, si tratta di una sorta di permesso di soggiorno ma permanente (a tempo indeterminato) che consente di trasferirsi negli USA e di cercare lavoro. 

Essa viene rilasciata dalle autorità statunitensi, nello specifico dall’USCIS (U.S. Citizenship and Immigration Services).

 

Green Card: come ottenerla

I tre modi, più comuni, per entrare in possesso della Green Card:

  • Family Immigration Green Card, ovvero tramite un familiare che sia già in possesso della cittadinanza USA. Infatti, un cittadino americano può fare richiesta di Green Card per un parente (coniuge, genitore, fratello, sorella, figli) attraverso la compilazione del modulo I-130 Petition for Alien Relative sul sito U.S. Citizenship and Immigration Service.
  • Diversity Visa Program o Green Card Lottery, ovvero la lotteria attraverso cui ogni anno il governo americano concede, attraverso un’estrazione, 50.000 Green Card. Ed è proprio per questa lotteria che si sono aperte le registrazioni in questi giorni.

 

Green Card Lottery: requisiti e come partecipare

Non è un caso che la Green Card Lottery sia conosciuta anche con il nome di Diversity Visa Program. L’intenzione è quella di far entrare negli USA persone che appartengano a nazionalità diverse e garantire la diversità che arricchisce la società. Ecco perché, ogni anno vengono esclusi dalla lotteria i paesi che nei 5 anni precedenti hanno mandato negli Stati Uniti più di 50.000 persone.

Come anticipato, per la lotteria del 2021 (DV-2021), le iscrizioni si sono aperte il 2 ottobre 2019 e termineranno il 5 novembre 2019. Anche quest'anno, l’Italia rientra tra i paesi che possono partecipare!

Ecco, i requisiti richiesti:

  • essere nati in uno dei paesi che rientra tra quelli ammessi alla lotteria (oppure avere un genitore che è nato nella lista di paesi ammessi o, ancora, essere sposati con una persona che ha nazionalità in uno di questi paesi). L’Italia ne fa parte.
  • possedere un diploma di scuola superiore o, in alternativa, due anni di esperienza (negli ultimi 5 anni) in un lavoro che richiede un periodo di tirocinio di almeno due anni per essere svolto. Cliccando qui, è possibile scoprire quali sono i lavori inclusi in questa seconda possibilità.

Partecipare è assolutamente gratuito! Perciò attenzione: non fatevi trarre in inganno da siti che richiedono un compenso economico per iscrivervi.

Ovviamente, ogni persona può presentare una sola domanda. Una buona notizia per chi è sposato: entrambi i coniugi potranno aderire alla lotteria e se uno dei due viene estratto anche il coniuge ha diritto a ricevere la Green Card.

Ecco il link ufficiale per partecipare alla lotteria della Green Card: https://www.dvlottery.state.gov

Green Card Lottery

 

Green Card Lottery: come compilare la domanda

Per partecipare alla Green Card Lottery bisogna compilare il modulo Elettronic Diversity Visa Entry Form. I dati richiesti sono:

  • nome completo (come indicato sul passaporto)
  • genere
  • data di nascita
  • città di nascita
  • paese di nascita
  • paese di eleggibilità o di “attribuibilità” per la lotteria DV (per i cittadini italiani è l’Italia)
  • paese di residenza (al momento della domanda)
  • indirizzo postale (città, provincia, cap..)
  • indirizzo e-mail
  • numero di telefono (facoltativo)
  • titolo di studio (massimo livello di istruzione ottenuto fino ad oggi)
  • stato civile
  • i dati di un eventuale coniuge + foto
  • i dati di eventuali figli + foto (minori di 21 anni)
  • una fotografia digitale recente (non più vecchia di 6 mesi)

Prestate molta attenzione alla fotografia richiesta nel compilare la domanda. Essa, infatti, deve rispettare molti requisiti e, spesso, le domande vengono invalidate proprio a causa sua. Cliccate qui per leggere le istruzioni.

Una volta compilata la domanda, riceverete il codice di conferma. Questo vuol dire che la vostra domanda è stata compilata e registrata in maniera corretta.

Mi raccomando conservate con cura il confirmation number che riceverete al termine di tutta la procedura. Infatti, nei mesi seguenti (quando sarà avvenuta l’estrazione) soltanto inserendo il confirmation number potrete controllare se siete stati estratti.

  

Green Card Lottery: l’estrazione

Le estrazioni per la Green Card Lottery 2021 (DV-2021) si svolgeranno il 5 maggio del 2020. Come anticipato, per verificare se siete stati estratti dovrete inserire il confirmation number sul sito ufficiale nella sezione Entry Status Check

Dunque, in questa prima fase, non si riceve nessuna e-mail ma bisogna rispondere alla notifica all’interno dell’ Entry Status Check sul sito ufficiale. Poi successivamente, se sarete tra i fortunati, riceverete un’e-mail con l’appuntamento per il rilascio del visto. 

Estrazione non equivale a ottenimento al 100% del visto. Ma una volta ricevuto l’appuntamento per il rilascio del visto, la parte più difficile è stata superata. 

A questo punto, non mi resta che augurarvi buona fortuna e incrociare le dita affinché il vostro sogno americano possa realizzarsi!

Lotteria della Green Card

Curiosità

  • La Green Card si chiama così perché fino al 1979 era stampata su carta verde.
  • Dopo 5 anni dal rilascio della Green Card americana (3 anni se il coniuge è cittadino americano) è possibile richiedere la cittadinanza americana.
  • La Green Card Lottery è entrata in vigore dal 1995.
  • Nel 2016 sono stati oltre 14 milioni coloro che hanno partecipato alla lotteria.

Ellis Island: la porta dell'America July 09 2019

Ellis Island è lo storico isolotto sul fiume Hudson su cui sono sbarcati milioni di migranti da tutto il mondo in cerca di fortuna nel nuovo continente.

Ellis Island

La storia

Un tempo adibita alla coltivazione delle ostriche, tra la fine dell’800 e la prima metà del ‘900, Ellis Island diventò il punto di approdo di milioni di persone costrette a lasciare il proprio paese d’origine alla ricerca di maggior fortuna negli Stati Uniti.

Si calcola infatti che dal 1892, l’isolotto vide arrivare più di 12 milioni di migranti, che venivano sottoposti a controlli da parte di ispettori, per registrarne le generalità e dei medici, per valutarne lo stato di salute.

Il servizio immigrazione venne poi chiuso nel 1954, per essere trasferito a Manhattan.

Ellis Island oggi

Oggigiorno Ellis Island costituisce un punto di attrazione per tutti i turisti che visitano New York, in particolar modo per gli europei.

Il motivo? Poiché dal 1990 l’isolotto ospita il Museo dell’Immigrazione.

Qui è possibile visitare i luoghi attraversati da coloro che nel secolo scorso vennero negli Stati Uniti per coronare il sogno americano.

Il Museo è strutturato su 3 piani.

Al primo piano si trovano le sezioni:

  • Baggage Room: è l’entrata del museo, un tempo punto di ingresso delle migliaia di migranti che sbarcavano sull’isolotto.
  • Journeys: The Peopling of America 1550-1890: è una mostra che permette di capire come l’immigrazione ha modellato il paese che poi sarebbe diventato gli attuali Stati Uniti.
  • New Eras of Immigration 1945 – Present: guarda alla storia dell’immigrazione dopo la chiusura di Ellis Island. Inoltre, in questa sezione è possibile rispondere ad alcune delle domande poste nel test di nazionalizzazione per diventare un cittadino americano.

Al secondo piano:

  • Registry Room: all’epoca una stanza rumorosa, confusa e a tratti spaventosa per i nuovi arrivati, che venivano registrati e sottoposti ad accertamenti medici. Oggi è uno spazio silenzioso in cui i visitatori possono immedesimarsi nei panni di coloro che vivevano nell’attesa di conoscere il proprio destino.
  • Hearing Room: era la sala d'ascolto del Board of Special Inquiry. Oggi completamente restaurata per apparire come nel 1911, era il luogo in cui chi era sospettato di qualche crimine veniva trattenuto per un’udienza legale ed in caso di decisione sfavorevole poteva essergli negato l’accesso agli Stati Uniti.
  • Through America’s Gate: è la mostra che descrive passo dopo passo ciò che la maggior parte dei nuovi arrivati ​​ha sperimentato su Ellis Island. Infatti, la funzione principale di Ellis Island era quella di escludere le persone considerate indesiderabili: i malati incurabili, i poveri, i disabili, i criminali e tutti gli altri esclusi dalle leggi sull'immigrazione degli Stati Uniti.
  • Peak Immigrations years (1880 – 1924): è la parte della mostra dedicata agli anni di massima immigrazione, tra il 1880 e il 1924, e descrive le sue cause e il loro impatto su coloro che hanno viaggiato per migliaia di km verso una terra straniera, per ricostruirsi una vita.

Al terzo piano:

  • Dormitory Room: è la stanza che mostra come dormivano coloro che arrivavano ad Ellis Island. Ogni camera ospitava circa 300 detenuti, che dormivano in letti a castello su tre livelli.
  • Ellis Island Chronicles: è la sezione che descrive la storia di Ellis Island. Racconta di come l’isola si sia estesa, passando da una superficie di sabbia di 3,3 acri a un complesso di 27,5 acri di edifici in mattoni e pietra che è servito come principale porta degli Stati Uniti.
  • Treasures from Home: qui è possibile ritrovare una raccolta di manufatti donati da famiglie che sono venute negli Stati Uniti durante gli anni di massima immigrazione al National Park Service. Rappresentano tutto ciò che gli immigrati portavano con sé durante il loro viaggio.
  • Silent Voices: racconta la storia dell’isola nel periodo tra la chiusura del 1954 e l’inizio dei lavori di restauro all’inizio degli anni ’80, in cui Ellis Island fu completamente abbandonata.
  • Restoring a Landmark: l’ultima sezione in cui viene spiegato come è stato possibile ridare luce all’isola, grazie ad un meticoloso restauro durato anni, ad opera di una squadra di architetti ed artigiani.

Inoltre, una sezione del terzo piano è dedicata alle mostre temporanee. In particolare, dal 25 Maggio al 2 Settembre ci sarà l’esposizione intitolata: “What we carried: Fragments & Memories from Iraq & Syria”.

Museo dell'immigrazione

Vi suggerisco di non perdere l’occasione di visitare un posto che racchiude insieme le speranze e le angosce di chi vi è passato per poter vivere il sogno americano.

Inoltre se avete avuto parenti emigrati verso gli Stati Uniti, vi sarà possibile usare i desk del museo per accedere agli archivi e scoprire se i vostri antenati sono entrati negli Usa passando di lì.

Per godervi al meglio la visita ad Ellis Island potete prenotare qui il tour che comprende anche la visita alla Statua della Libertà.

Curiosità:

Tra i personaggi famosi che sono passati per Ellis Island vi sono stati: Rodolfo Valentino (1913), Cary Grant (1920) e Albert Einstein (1921).

E’ stata fonte di ispirazione per diversi film e per scene di alcuni capolavori cinematografici, come ad esempio l’arrivo in America di Don Vito Corleone ne “Il Padrino”.