Dieci consigli per viaggiare con un bambino a New York June 15 2017

Care mamme,

quando sono partita per New York, dall'Italia, con un bimbo piccolo, le preoccupazioni sono state tante: riuscirà ad affrontare 9 ore di viaggio? Farà caldo? Freddo? Porto cappotto pesantissimo o 3/4 giacchette? Oddio, e se si ammala? Che latte darò? 

Tutte preoccupazioni inutili perché, sì, siamo fuori casa, ma NY offre la possibilità di godere di una vacanza in perfetta tranquillità, anche con bambini al seguito. Il più delle volte siamo noi genitori che ci costruiamo limiti; loro, al contrario di quanto possiamo immaginare, si adattano facilmente. Conosco molte mamme che si rifiutano di viaggiare per via dei bimbi al seguito.

Eh no, io, nonostante i 1.000 timori, sono partita lo stesso. Certo, se avessi avuto qualcuno che mi avesse dato dei consigli, avrei affrontato il tutto in modo molto più sereno, evitandomi 'fisse' inutili. Da oggi quel qualcuno cercherò di esserlo io per voi. Voglio provare a darvi, nel modo più semplice possibile, dieci consigli per chi viaggia con bimbi a New York, aiutandovi così ad affrontare questo stupendo viaggio nel miglior modo possibile.

 

  • In questo periodo fa caldo, ed in generale è preferibile mettere in valigia indumenti che vestirebbero il bimbo a 'strati'. Non è comunque necessario portare con sè molti capi d'abbigliamento, perché NY, come immaginabile, ha una grande offerta in termini di abbigliamento (ad esempio, cito tra i tanti, il noto Century 21).
  • Portare con sé le medicine che il bimbo è solito prendere; termometro, tachipirina, antibiotico; gentalin beta pomata; fermenti lattici; ibuprofene. In caso di urgenza, qui si trovano tutte le medicine, ma è ovviamente meglio portare qualcosa con sè, perché altrimenti dovrete prima andare dal dottore, farvi prescrivere le medicine e poi acquistarle. Qui la sanità, come molti di voi già sanno, funziona in modo diverso dall'Italia, per cui quasi tutte le medicine richiedono la prescrizione medica. Inoltre, alcuni medicinali in uso in Italia sono sostituiti nel seguente modo: la tachipirina, quindi, il paracetemolo con le TYLENOL, e il ibuprofene con MOTRIN o ADVIL. Per questo tipo di medicine non serve ricetta medica e si possono acquistare da Walgreens o CVS.
  • Se avete un bimbo piccolo, potete mettere nel bagaglio a mano qualche vasetto di carne, frutta o pesce. L'agenzia con la quale avevo prenotato il volo, mi aveva detto che il bimbo aveva diritto ai pasti speciali per bimbi, così non è stato (con Alitalia). Per fortuna sono una mamma attenta e ho portato il suo cibo. Potete portare anche dei biscotti; certo, non un pacco intero, ma l'essenziale ve lo fanno imbarcare.
  • Portate nella borsa a mano qualche giochino che il bimbo non ha visto prima d'ora, accrescerà in lui la curiosità, e ciò farà sí che il bimbo possa tenersi occupato per un po' di tempo.
  • Fate una borsa a mano ricca ma non esagerata, selezionate prima tutto ciò che ritenete opportuno e poi inserite in borsa solo l'essenziale. Ne sottolineo alcune: una tovaglietta di lino o di cotone da mettervi addosso quando il bimbo farà il pisolino (tranquille, lo farà), per evitare che sudi troppo; un paio di calzini da mettere sopra quelli che già ha, così potrete togliergli le scarpette e farlo camminare tranquillo; almeno 2 cambi, canottiere comprese, perché specialmente quando dormono attaccati a sè sudano ed è importante cambiarli appena svegli (nell'aereo c'è l'aria condizionata e rischierebbe di fargli male).
  • Il latte liquido potrete chiederlo al personale di bordo, quello in polvere potete portalo nella borsa a mano.
  • Il passeggino. Io ne ho comprato uno apposito da viaggio, si chiude simil borsa, non pesa nulla e si può imbarcare come bagaglio a mano. Chi ha la possibilità di comprarlo si troverà con il portafogli allegerito, ma con tutto il viaggio molto più semplice, perché è maneggevole e quando si è in viaggio la leggerezza fa la differenza.
  • Se avete un decathlon vicino casa, in Italia, andateci e comprate uno zainetto leggero, costa poco, meno di 5 euro. Usatelo per metterci le cose del vostro pargoletto durante le camminate a NY. La comodità viene prima!
  • A NY si trovano tutti i cibi biologici per bimbi: vasetti, succhi di frutta, yogurt, latte. Basta andare da Whole Foods, è un supermercato rifornitissimo che si trova in ogni angolo della città. Per mio figlio uso cibi biologici. Negli USA il cibo biologico è identificato dalla dicitura organic. Un buon tipo di latte è quello prodotto dalla Horizon. Io compro il whole che significa intero. Anche il latte a marchio Stonyfield, che produce anche yogurt, è buono. Earth's best è una ottima marca di biscotti. Si può acquistare una scatolina che ne contiene sei pacchetti. Sono molto comodi da portare con sè quando si esce. Nei Deli italiani potreste trovare i biscotti plasmon. La pastina plasmon a NY non si trova; viene sostituita dalla pastina Barilla normale, quella che mangiamo anche noi adulti. Io consiglio di comprare biologico perché, alcune marche contengono GMO, che è un organismo geneticamente modificato nocivo per la salute. 
  • Ultimo consiglio, nonché più importante, è quello di godervi con la massima tranquillità questo viaggio stupendo. I vostri bimbi si divertiranno molto con le mille attrazioni che la città offre loro. Sono sicura, quindi, che sarà un viaggio indimenticabile, e che, magari farete come me: vi piacerà così tanto che deciderete di non tornare più.

Potete seguirmi, capire come vive una mamma a NY e trovare altri utili consigli sulle mamme in viaggio sulla mia pagina https://www.facebook.com/donneaNewYork/

Ida Miceli