New York e la vera origine della Festa della Donna – ilmioviaggioanewyork

PER USUFRUIRE DI TUTTI I NOSTRI SERVIZI OCCORRE AVERE UNA PROVA DI VACCINAZIONE PER COVID-19

Sono disponibili i corsi di Facebook e Instagram su pieroarmenti.com non perdete l'occasione di usare i social per il vostro futuro

New York e la vera origine della Festa della Donna

September 15 2021

Vi siete mai chiesti quali siano le vere origini della Festa della Donna? E sapevate che è (purtroppo) nata a New York?

Sono un po' di anni che, ogni 8 marzo, il mondo si divide sull'8 marzo. Da una parte c'è chi festeggia beato le donne ignaro dell'origine di questa ricorrenza, dall'altro chi ancora si indigna sostenendo che in questa data si commemorano le donne morte l'8 marzo 1908 durante un incendio nella fabbrica Cotton di New York. 

Ebbene, purtroppo l'8 marzo come festa è nata dopo un grave incendio, ma non quello della fabbrica Cotton, che pare non essere mai esistito.

Da che evento è nata la Festa della Donna?

Se vi capita di visitare il Museum of the City of New York troverete testimonianza di ciò che vi sto per raccontare. La Festa della Donna, secondo una delle teorie più accreditate ma mai confermate al 100%, deriva da un incendio ma si tratta di quello avvenuto nella fabbrica Triangle il 25 marzo 1911.

In quella data, cinquecento donne molto giovani (tra i 15 e i 25 anni) e circa cento uomini lavoravano agli ultimi tre piani di un palazzo di Washington Place. Si trattava di un'azienda che produceva camicie, chiamata Triangle Waist Company.

Le donne impiegate facevano orari massacranti, e i loro supervisori erano talmente rigidi da chiuderle a chiave all'interno degli ambienti di lavoro per evitare che si allontanassero dalle proprie postazioni. Le paghe erano bassissime e i sindacati inesistenti. 

L'incendio che si pensa diede origine all'8 Marzo

L'incendio che viene associato alla ricorrenza della Festa della Donna si scatenò un venerdì pomeriggio, all'ottavo piano dell'edificio. Interessò proprio gli ultimi tre blocchi dell'edificio e le scene a cui la gente all'esterno assistette ricordano molto quelle dell'attentato alle Torri Gemelle. 

Morirono bruciate o suicide, gettandosi dalle finestre, 146 donne, di cui 39 italiane immigrate negli Stati Uniti alla ricerca di fortuna. La cosa più raccapricciante è che i proprietari dell'azienda vennero tutti assolti e l'accaduto gettato nel dimenticatoio molto presto. 

8 marzo new york

La seconda teoria sulla Festa della Donna

Esiste un'altra teoria alla base della ricorrenza dell'8 marzo, quella che vede protagonista le operaie di una grande azienda tessile di New York. Pare che le donne l'8 marzo del 1857 scesero per strada e scioperarono contro le condizioni disumane in cui le facevano lavorare.

In quegli anni, infatti, il genere femminile non aveva grandi diritti e veniva sfruttato in fabbrica con orari massacranti e paghe bassissime. Negli anni 50 iniziano a insorgere manifestazioni e scioperi da parte della classe lavoratrice femminile per riprendersi i propri diritti. 

La bufala della fabbrica Cotton di New York

La maggiore bufala che gira sull'origine della Festa della Donna è quella che parla dell'incendio della fabbrica Cotton di New York. Una leggenda metropolitana di cui non c'è alcuna prova.

La storia narra che nel 1908 le operaie di questa industria tessile iniziarono a scioperare contro le loro condizioni. Le proteste andarono avanti per giorni e culminarono l'8 marzo, quando il proprietario, il signor Johnson, blocco loro tutte le vie di fuga chiudendole dentro. Nell'edificio scoppio poi un incendio che causò la morte di tutte e 129 le operaie. 

Questa storia in realtà è falsa e molto probabilmente si tratta di un adattamento dell'evento della Triangle, realmente accaduto. 

Lascia un commento







Lascia un commento