Notizie, curiosita',aneddoti, e fantasie su New York – ilmioviaggioanewyork

Autenticamente New York

Sono andato a provare la carne di Nusret, ed ecco le mie conclusioni February 15 2018 17 Comments

Se l’ unico metro di giudizio per giudicare un ristorante è “ho pagato poco e ho mangiato bene”, allora Nusr-Et non è sicuramente il luogo in cui è andare.

Qua si paga molto e si mangia alla maniera sua, cioé alla maniera di una persona che ha iniziato come macellaio in Turchia, e che in pochi anni ha fondato un impero dei ristoranti a base di carne, con oltre 10 ristoranti in tutto il mondo. La sua fama però non deriva da un semplice colpo di fortuna su Instagram, dall’abilità erotica di affettare la carne,  ma dalla fama che il suo primo ristorante, aperto a Istanbul nel 2010, gli ha garantito, insieme all'affetto della clientela internazionale che si è fatto a Dubai, in cui ha aperto nel 2014. La carne è di prima qualità, su questo non c’è dubbio, ed è parte del suo successo. Anche io l'ho trovata ottima.

Nusret (conosciuto anche come Salt Bae) è innanzitutto un ossessivo. Nella maniera positiva del termine: tutti i suoi camerieri e cuochi devono essere esattamente ciò che lui è. E infatti lo spettacolino di affettare la carne in maniera scenica al tuo tavolo viene insegnata, e la devono sapere tutti. Tutti piccoli cloni del maestro.

 

Qual è la mia opinione? Ora vi dico la mia, visto che ho provato sia quella di Miami e New York. Prezzi e menu identici.

Il ristorante è molto costoso, anche per i parametri di New York dove le Steak House sono già costose di per sé. 

Dal punto di vista del ristoratore però se, nonostante i prezzi, il locale è sempre pieno, ha ragione lui. Conosco centinaia di locali dal prezzo abbordabile e con cibo di buona qualità, che sono vuoti. In questo mondo così competitivo della ristorazione conta chi vince, e vince chi riesce ad attirare la clientela che si è prefissato. Non esiste una clientela migliore e peggiore. Esistono solo ristoranti vuoti e ristoranti pieni.

Questo non è un locale per famiglie, non è un locale in cui vieni la domenica per mangiare abbondante e pagare poco.  Questo è un locale nato e cresciuto per quella che io definisco “classe aspirazionale”. Ve lo spiego dopo cosa intendo.

Un ristorante che possiede una forte carica di erotismo, grazie alle luci soffuse, alla musica perfettamente calibrata, e al tipo di persone che lo frequentano. Perché anche il proprietario gioca molto con questa pornografia del cibo, e sulla sua immagine di uomo in forma, frequentatore abituale di palestre, che veste Gucci e ti affetta la carne con un Patek Philippe al polso.

 

Un locale che attira gente facoltosa, gente che segue le mode, gente che vuole provarlo almeno una volta nella vita per curiosità, ma soprattutto  persone che anche senza poterselo permettere, tra un Martini e l’altro, si fermano al suo bar, nella speranza di fare incontri interessanti, che siano di lavoro o sentimentali. Perché questa è la chiave per capire la ristorazione nelle grandi metropoli: è un investimento su se stessi. Fare rete, fare networking vale più di mille curriculum. Se vi sfugge questo piccolo particolare, allora vi sfugge cosa significa vivere in una metropoli: se si “aspira” (per questo classe aspirazionale) a qualcosa di meglio nel futuro,  a cambiare il proprio destino bisogna investire su se stessi, anche dal punto di vista delle relazioni. 

Io vado al Chivito de Oro nel Queens quando voglio mangiare buona carne e pagare poco, ma sono due esperienze diverse. Là ci vado perché cerco quella cosa lì, da Nusret ci vado perché ne cerco un’altra. Ed entrambe l’esperienze hanno un senso nella mia vita.

Andare a mangiare in un ristorante non è solo “cosa mangi”, l’esperienza complessiva va giudicata in base a tanti parametri.  Faccio un esempio.  La  tomahawk l’ho pagata 275 dollari. E’ chiaro che è cara (non carissima per i parametri di New York), ma se includete che Salt Bae, che è una star internazionale, viene al tuo tavolo a farti lo spettacolino, che vi piaccia o no avete pagato poco. Perché quell’opera teatrale dell’affettare la carne nella mia percezione ha avuto un valore superiore al prezzo che ho pagato. E vi dico di più: pur di avere quello spettacolino lì avrei anche pagato il doppio (spero Salt Bae non se ne accorga). E come me tanti altri.

Siamo stupidi? Certo che lo siamo, nell'ottica di chi giudica solo in base al parametro "mangi bene e paghi poco". Non lo siamo, se ci giudichi nell'ottica della metropoli, di persone che collezionano esperienze, racconti, anche foto, e che si muovono a questo mondo con lo sguardo disincantato di chi vuole capire prima che giudicare. Siamo a New York perché siamo curiosi. E Salt Bae ci ha incuriosito. Tutto qua.

Anzi c'è anche un'altra cosa. Dipende anche dalle priorità della vita, dalle possibilità economiche. Se uno ha una famiglia da mantenere, ha altre priorità, ci penserà due volte prima di concedersi un lusso. Ma questo nulla toglie o nulla mette alla validità dell'esperienza in sé. In un’economia del superfluo (siamo in un'economia del superfluo, questo lo dobbiamo avere chiaro), male che vada, Nusret è solo uno sfizio come un altro. Il giorno dopo mangeremo lo spicchio di pizza a un dollaro e avremo bilanciato. O rinunceremo alla gita fuori porta, o a comprare un nuovo paia di scarpe. In un'economia del superfluo abbiamo svariate possibilità di scelta, ognuna delle quali ha lo stesso valore di un'altra. L'importante è che a sceglierlo siamo noi.

Molte delle critiche che ho ascoltato sono quelle classiche e prevedibili. Del tipo di colui che dinanzi a un' opera d'arte contemporanea dice "la saprei fare anche io".  Qualcuno di voi ha detto che con quei soldi si comprava una vacca intera, qualcun altro che è uno schiaffo alla miseria, qualcun altro che Nusret è un furbacchione che fa fessi i clienti. Sono tutte critiche valide, ragionevoli, e soprattutto necessarie a Nusret per certificare la sua dimensione di "persona di grande popolarità".

  Fanno il gioco di Nusret, che continuerà ad avere i ristoranti pieni, le macchine di lusso, e a fare la bella vita, mentre la persona che lo critica avrà perso un'occasione per capire "come ha fatto". Questa è l'unica cosa che conta, e che vi dovrebbe interessare: "Come ha fatto lui, e lo potrei farei anche io?". Non chiudete la porta per andare via con rabbia, ma apritela e guardateci dentro. Andate a vedere sempre, in questo grande poker che è la vita. L’invito che io vi do: andateci, anche se l'odiate. Spendeteci soldi. Andate e analizzatelo come in un caso da studio, cercate di attingere dalle persone che hanno successo, per cambiare la traiettoria della vostra vita, e magari un domani potreste spingere voi stessi oltre i limiti che vi siete imposti. E infine trovare una strada. 


Piccolo promemoria prima di venire a New York February 13 2018 1 Comment

1) Fate l'assicurazione sanitaria, una con un massimale elevato, e che possibilmente funzioni con la "presa diretta", cioé in caso di spese mediche paga direttamente l'assicurazione, non è che vi rimborsano dopo.
2) Verificate che abbiate carte di credito funzionanti all'estero. Chiamate la banca, chiedete informazioni precise. Quanto è la linea di credito? Quanto potete spendere al giorno? Quanto potete prelevare al giorno? Se possibile, evitate carte prepagate che potrebbero crearvi problemi. Ricordate che il circuito Maestro non è diffusissimo.
3) Verificate che il Passaporto sia valido, e che l' Esta sia stata approvata.
4) Verificate che il vostro bagaglio non superi i limiti di peso per l'imbarco.
5) Non dimenticate di portare degli adattatori per la corrente, e nel caso in cui gli oggetti elettronici che dovete usare non supportino il voltaggio americano (110 volts), anche dei trasformatori. 
6) Chiedete alla vostra compagnia telefonica informazioni su promozioni per utilizzare il cellulare all'estero, e magari navigare in internet. Anche se il WiFi libero è diffuso a New York, spesso è sovraccarico ed è di una lentezza estenuante.
7) Fate il check in online garantendovi i posti piu' adatti alle vostre esigenze. Se amate alzarvi e sentirvi liberi, lato corridoio. Se volete invece appoggiare la testa al finestrino dell'aereo, rilassarvi e godervi il panorama, lato finestrino.
8) Non dimenticate di portare con voi le medicine di cui avete bisogno, perché non è scontato poterle reperire liberamente a New York. Anche per quanto riguarda le lentine, ricordate che negli Stati Uniti si possono comperare solo con ricetta dell'oculista.
9) Anche se venite in estate, non dimenticate che l'aria condizionata è davvero al massimo, quindi portate qualcosa per coprirvi. Mettete in valigia scarpe da ginnastica comode, ma anche un bel paio eleganti che vi permettano di fare il nostro tour dei rooftop e sognare con noi.
10) Controllate sulla cartina dove si trova il vostro hotel, e iniziate a farvi una mappa mentale di dove siano le migliori attrazioni di New York. Poi veniteci a trovare al 324W 47th st, vicino Times Square. Vi aspettiamo.

Dove mangiare un buon ramen a New York February 13 2018

Johnny Cavaliere

Ramen. Conoscevo questa pietanza di origine giapponese solo perché il cartone animato Naruto ne parlava fino allo sfinimento. Poi ho avuto il "coraggio" di assaggiarlo e per me che sono sempre diffidente con il cibo "diverso" non è stato semplice, ma ero a Roma e quindi era un po' più tranquillo. Da lì ho iniziato ad appassionarmi di cibo giapponese e devo dire che oggi è uno dei miei cibi preferiti. 

Ma l'apoteosi del piacere con questo piatto l'ho avuto proprio a New York, quando ho trovato, grazie alla mia ragazza, un ristorante che è a dir poco spettacolare. Ma prima di consigliarvi dove mangiare un buon ramen a New York, parliamo appunto del ramen: cos'è?

Il ramen è un tipico piatto giapponese (ma di origini cinesi in realtà) a base di tagliatelle/spaghettini di tipo cinese di frumento (alcune volte anche di soia) servite in brodo di carne e/o pesce. Classicamente è  insaporito con salsa di soia o miso. C’è quasi sempre l’aggiunta di maiale, alghe marine secche, kamaboko, cipolla verde e a volte mais (io non lo preferisco). Ma dire ramen è dire tutto: è una delle pietanze più varie quindi, troverete sempre una variante diversa in qualunque ristorante andiate (proprio come in Giappone).

Inutile dirlo, a New York sono moltissimi che cucinano questo piatto, molto ricercato anche dai new yorkesi. Tuttavia ci sono solo tre posti in cui perderete la testa e troverete un ramen degno di questo nome. In particolare c'è un ristorante che mi è rimasto impresso per bontà e per attesa (qualche oretta di fila nel weekend). 

Ippudo

Ebbene sì, è proprio lui. Questo bellissimo ristorante, a pochi passi da Times Square, ha uno stile moderno, un bar delizioso (anche se stretto) dove potrete assaggiare cocktail meravigliosi e cucinano un ramen che è, per me, il più buono mai mangiato in assoluto. 

Il locale è elegante, target alto e con certe capacità di spese (non è per niente economico). Inoltre, difficilmente riuscirete a sedervi con meno di mezz'ora d'attesa (durante un weekend sono arrivato ad aspettare 2 ore, tempo speso bene poiché sono andato a passeggio nei dintorni). 

Io credo che sia talmente buono che valga la pena anche farsi quelle due ore di attesa. Frequentato da manager e da new yorkesi di "alto profilo", passatemi il termine, ha un menu molto vario che spazia dai classici ramen fino a quelli più ricercati (e piccanti!). Ovviamente, non ha soltanto ramen ma ha anche piatti più moderni sempre ispirati dalla cucina giapponese. 

Se siete invece distanti da Times square niente paura: c'è un altro Ippudo nei pressi del Washington park. Perfetto per il pranzo. 

Totto Ramen

Totto Ramen mi è stato consigliato da un amico che vive a New York da 8 anni. A detta sua, il miglior ramen di NY.

Ce ne sono diversi per i vari quartieri di New York (hell's kitchen, per esempio). Ci sono andato con aspettative davvero elevate. Il locale non è un granché: molto alla mano, direi familiare, stretto e con alta probabilità di riempirsi i panni di odore di cipolla.

L'effetto però dopo aver mangiato il ramen è sparito: il mio palato si era inebriato di un sapore davvero molto intenso e la scelta del menu (sebbene molto focalizzato sul Ramen se non esclusivamente basato su ramen) era davvero per tutti i gusti. Mi è piaciuto davvero tanto e quindi credo che per rapporto qualità/prezzo sia effettivamente uno dei migliori. 

 

Kame Ramen

Situato in 435 Park Ave S,  è un ristorante di ramen molto buono. Trovato per caso, mentre passeggiavo per NY, ho preso appunti e ci son tornato con Carmen proprio perché mi ha subito ispirato già dall'insegna. E le promesse sono state rispettate. 

I prezzi sono ottimi, la presentazione dei piatti anche. Inoltre, il locale è carino ed attraente anche se un po' piccolino. Frequentato da orientali (garanzia di qualità!) è una buona soluzione se siete in zona e non volete spendere molto per mangiare un buon ramen. 

 


Vi racconto la mia partita NBA al Madison Square Garden February 05 2018 1 Comment

(Se volete comperare i biglietti per NBA ai prezzi migliori, venite presso la nostra sede a Times Square, al 324W 47st)

Partiamo dall'origine. Già solo nominare il Madison Square Garden emoziona. Poche arene sono diventate un mito, e il Madison Square Garden è l'arena più mitica di tutte.  Illuminato di notte, con la sua forma circolare sembra un disco volante atterrato su Manhattan. Non è né bello né brutto, non so se sia possibile dare un giudizio estetico a un'arena costruita oltre cinquanta anni fa, che per New York sono davvero un millennio fa, per come tutto costruisce rapidamente. E non so neanche se si debba dare un giudizio estetico. Bisogna semplicemente rimanere in adorazione

Che ci sia una partita lo capisci subito dal grande afflusso di persone, che rendono folle il traffico circostante. Infatti il Madison Square Garden non si trova in una zona lontana dal caos. E' nel pieno del caos, vicino a Times Square. A piedi ci vogliono solamente 12 minuti. 

Appena arrivati, dopo essere stati un po' travolti dalla folla, ci sono i controlli di sicurezza simili a quelli in aeroporto, anche se meno scrupolosi. Bisogna poggiare una serie di oggetti che vi indicano in una vaschetta: di solito portafogli, chiavi, macchine fotografiche e cellulare, e poi passare attraverso un normalissimo metal detector. Il procedimento è rapidissimo. La security non parla italiano, quindi siate pronti. Appena passati attraverso il metal detector, controlleranno il biglietto con uno scanner dei codici a barre. Il biglietto può essere in formato digitale o cartaceo, anche questa procedura è molto rapida. Appena entrate troverete dei negozi di oggettistica, in questo caso dei Knicks, ma ricordiamo che qui giocano anche Hockey sul ghiaccio, ed è la sede dei famosi Rangers. Non esiste solo un negozio all'entrata, ce ne sono tanti nei vari piani, quindi non abbiate fretta di acquistare. Potete anche prima individuare qual è la vostra postazione, e poi dedicarvi allo shopping. Ricordate di chiedere agli addetti dove andare, perché è abbastanza labirintico lo stadio, e poi non dimenticate: i posti sono assegnati attraverso numeri e lettere. Quindi non occupate il posto di un altro.

Appena entrati nel negozio sarà impossibile non uscirne con qualcosa in mano. Siamo sinceri. Ci troviamo al Madison Square Garden, tempio del basket, stiamo per assistere ad una partita di NBA. Siamo a New York, è il viaggio di una vita, è il tocco finale di una vacanza voluta con forza, e non spendiamo almeno 20 o 30 dollari per un ricordino? Non ci credo. Quindi anche un semplice cappellino vale la pena.

I biglietti che avevo io erano quelli relativi all'anello superiore. Quelli da cui il campo si vede lontano. In passato sono stato anche vicinissimo al campo. Allora vi dico subito quello che penso. Esser vicino al campo è bellissimo, perché si può godere da vicino uno spettacolo unico. Però è anche molto costoso, si paga almeno 300 dollari a biglietto. Quindi va benissimo pagarne 80 e trovarsi in alto. Ve lo garantisco: si vede bene, sia perché dall'alto lo sguardo a strapiombo sul campo è affascinante, e la cornice del pubblico attorno rendono l'esperienza anche più completa.

Anche se non riuscite a godervi la partita, perché non vi interessa, non preoccupatevi. Guardare gli spettatori vale già il prezzo del biglietto.

Non dimenticate che andare allo stadio o nell'arena negli Stati Uniti significa innanzitutto poter addentare hot dog e patatine, che sono una tradizione americana. In realtà non è l'unica scelta possibile, ci sono tantissimi luoghi all'interno in cui ordinare cibo, birra e alcolici.  Ma io credo che la tradizione dell'hot dog debba essere religiosamente rispettata.

La cosa che più mi ha colpito, e come lo sport come intrattenimento non contempli la minaccia verso il tifoso avversario. Si sta tutti assieme uno al fianco dell'altro. Come dimostro in questa foto. C'è da un lato un tifoso con la maglietta di un giocatore del Portland, e dall'altra una dei Knicks. Ognuno se ne sta bello tranquillo.

Ancora più interessante lo spettacolo dentro lo spettacolo. Cioè ad ogni pausa, tra cui i tanti time out, succede sempre qualcosa in campo. Non solo esibizioni di splendide ragazze, come da tradizione americana, ma anche altri piccoli show che includono il lancio di alcune magliette con una specie di cannone.

A questo va aggiunta la telecamera che inquadra i Vip, e tutti applaudono, oppure semplici persone che iniziano a ballare o fare cose pazze di fronte alla telecamera. C'è anche la kiss cam, dove le coppie si baciano, e la guitar cam: se ti inquadrano devi fingere di suonare la chitarra (come in foto).

 Non dimenticate all'uscita di farvi una quantità di foto tale da non dimenticare mai questa bella esperienza. Con la scritta Madison Square Garden, e il logo dei Knicks.


Dove ascoltare musica jazz a New York January 30 2018

Pensare a New York significa rivivere grandi film, grandi scene ma anche grande musica. Certo, New York è proprio la patria del cinema, almeno come luogo, è la patria del cibo (il più vario al mondo) ed è sicuramente la patria della musica Jazz.

I grandi filoni musicali popolari che la Grande Mela ci ha lasciato in eredità negli anni sono essenzialmente 2: il musical di Broadway (ed abbiamo anche i biglietti per i migliori musical) e il Jazz, quello stile musicale dirompente che esplose a Manhattan a partire dagli anni '20, un'epoca che non a caso venne definita come gli "Anni Ruggenti" (anche in questo caso vi segnalo il nostro tour del proibizionismo che vi farà assaporare proprio come si viveva in quegli anni). 

Durante l'era del Jazz si diffusero un po' ovunque bettole e scantinati dove si ascoltava musica e si servivano alcolici illegalmente (era il periodo del Proibizionismo, come vi dicevo).

Cos'è rimasto di quel lontano passato? Come rivivere le atmosfere dell'Era del Jazz? Quali sono oggi i migliori locali dove ascoltare il jazz a New York?

Come immaginerai, l'offerta è varia, tuttavia ti consiglio di scegliere fra questi 4:

  • Marjorie Elliot's Parlor Jazz (555 Edgecombe Ave): proprio nel cuore di Harlem, il quartiere afroamericano per eccellenza, si trova questa piccola perla: Marjorie Elliot ogni domenica pomeriggio apre il suo salotto privato al pubblico per ospitare favolose jam sessions (l'ingresso è gratuito ma è apprezzata un'offerta).
  • Village Vanguard (178 Seventh Ave South): nel cuore del Village trova spazio un locale storico piuttosto spartano, che punta all'essenziale. Se sei un purista del jazz e sei interessato soprattutto alla musica non rimarrai deluso.
  • Jazz Standard (116 E 27th St): grande selezione di musicisti, cucina di ottimo livello e nessuna consumazione minima obbligatoria.
  • Birdland Jazz Club (315 W 44th St ): proprio nei pressi di Times Square sorge uno dei locali jazz più apprezzati dal pubblico: ottima cucina e jam sessions sempre di grande qualità.

Vi consiglio assolutamente di ascoltare il Jazz a New York, anche se è uno stile musicale che non vi fa impazzire... sicuramente donerà un po' di magia in più alla vostra vacanza. 


I posti migliori dove passeggiare a New York January 09 2018

di Paolo Parigi

Dove passeggiare a New York? Potrebbe essere una delle vostre domande tipo, quando siete nella grande mela oppure avete programmato una vacanza nella città che non dorme mai.

Premesso che passeggiare per le strade di New York è una delle esperienze più belle  e meravigliose che ci possa essere, passeggiando riuscirete a riempirvi di energia vitale, quell'energia sprigionata da ogni cosa che costituisce questa città e vi ritroverete con un'energia incredibile! 

Vi anticipo già che il mio luogo preferito è il Ponte di Brooklyn che permette di ammirare Manhattan in tutto il suo splendore. 

Ma attenzione: non c'è bisogno di arrivare fino al Ponte di Brooklyn per fare una bella passeggiata: basta solo fare il giro del quartiere (qualsiasi) per cogliere qualcosa di unico, ed è proprio questo che differenzia NY con le altre città: è bella tutta. 

Ecco alcuni luoghi un cui, a mio avviso, una passeggiata può regalare delle emozioni o farvi definitivamente innamorare della città, (se ancora ce ne fosse bisogno...).

Central Park

Lasciate da parte ogni tipo di paragone, vi assicuro che non ci sono parole per descriverlo, per raccontarlo.

Central Park è un parco, un polmone verde, all’interno di Manhattan che si estende dalla 59esima fino alla 110esima strada in cui nello stesso giorno, alla stessa ora è possibile trovare il concerto dei Run DMC, l’annuale ritrovo dei BoyScout e la festa di compleanno di una famosa attrice!

Tutto questo è Central Park. Passeggiare qui rinfranca lo spirito e vi darà una carica eccezionale. Osserverete davvero come vivono i new yorkesi e quando essi siano legati a questo parco.

Se il tempo lo permette noleggiate una bici e godetevi Central Park da un altro punto di vista. Anch'esso meraviglioso.

Ponte di Brooklyn

L’accesso è da Centre Street e la camminata è lunga più di 5km (andata e ritorno, che vi consiglio di fare in entrambe le direzioni anche al calar del sole).

Il momento più bello a mio avviso è il tramonto, lo Skyline dei grattacieli, la trama delle reti metalliche del ponte vi farà sentire dentro ad un Film, quello che che un Film però non riesce a trasmettere lo farà la vista su New York!

Durante questa passeggiata avrete modo di scorgere e lasciarvi ammaliare dalla  

  • Statua della libertà in lontananza
  • Dal Manhattan Brigde
  • Dal Verrazzano Bridge

Ovviamente vedrete down touwn, che è il centro nevralgico della finanza americana. Scegliete una giornata non ventosa per passeggiare sul ponte di Brooklyn altrimenti alla fine dell’escursione sarete esausti!

High Line

In ordine di tempo è una delle più giovani attrazioni. Si tratta di una linea ferrovia sopraelevata dismessa.Adesso è stata riqualificata, e la passeggiata è molto suggestiva perché la vecchia ferrovia è piena di verde ed è possibile attraversare il Meatpacking District e Chelsea, incontrare artisti e visitare bancarelle. Davvero niente male, no?

Al momento è una delle passeggiate più trendy di New York.

TriBeca

Si pronuncia “try Becca”  ed è nella Lower Manhattan. Sfrutta l’affaccio sul Fiume Hudson ed il quartiere è composto da molti vecchi magazzini ristrutturati che adesso contano proprietari famosi, attrici, personaggi dello spettacolo ma non c’è l’aria snob, anzi è un ottimo posto per cercare un ristorante o un locale per bere qualcosa con gli amici.

BatteryPark

Dodici ettari di puro spettacolo. Battery Park è accessibile da State Street e Battery Place, si affaccia sullo storico fiume Hudson ed è adiacente alla partenza dei traghetti per Statten Island.

Come detto, è molto esteso. La soluzione migliore, qualora voi aveste più giorni, è quella di visitare con calma tutta la zona, perché troverete tante cose da vedere e attività da fare come Sea Glass Carousel, The Battery Promenade,The Battery Bikeway, Gardens of Remembrance, Bosque Gardens, Battery Labyrinth e Jerusalem Grove, oppure vedere i memoriali di Battery Park.

Tornando alle zone per il passeggio, io adoro questa zona. Partendo da Tribeca (prcisamente da 215 Murray Street, New York, NY 10282, Stati Uniti, dove troverete anche uno Shake Shack spettacolare e potrete toccare con mano come effettivamente è la vita di un new yorkese) potrete scendere verso sud proprio lungo la costa ed arrivare appunto a Battery Park. E' una zona che io adoro, molto ricca (vedrete molti yacht) ed uffici con parchi davvero ben curati e puliti. E' una delle mie zone "di culto" di new york, dove posso mangiare bene e stare lontano dalla folla e dalle zone troppo caotiche. 

 

 


Rivoluzione. Dal primo marzo obbligatorio pagare 25 dollari al Metropolitan Museum January 05 2018

E' successo quello che avevo previsto. Dal primo marzo per accedere al Met non basterà un' offerta libera. Bisognerà pagare il prezzo pieno.   Dal 1970 infatti il museo si limitava a suggerire una donazione di 25 dollari, circa 20 euro, che ora diventerà obbligatoria per chi non risiede nello stato di New York. 

Abbiamo avuto una discussione proprio sul nostro gruppo facebook riguardo questo argomento, ed io avevo sostenuto che prima a poi la pacchia sarebbe terminata se la gente se ne fosse approfittata. Come volevasi dimostrare. Ora si pagherà.

Questa norma era pensata per aiutare coloro che non potevano permetterselo, di accedere alla cultura. Ma ben presto se ne sono approfittati tutti, e le casse del Metropolitan museum ne hanno risentito.  

Diventa ancora piu' conveniente comperare il citypass (da noi qui) o passate direttamente al nostro ufficio e ci facciamo una chiacchierata (324 W 47th, a 4 minuti da Times Square)


Perché considero New York la città più bella del mondo January 05 2018 3 Comments

Johnny Cavaliere

Non so se abbiate avuto la fortuna di visitare (e meglio ancora, vivere) la grande mela, spero di sì.
E' praticamente impossibile trovare una persona che non sia rimasta affascinata dalla luce che emana questa città e badate bene io non sto parlando delle luci di Times Square o dei milioni di neon sparsi per la città. La luce di cui vi parlo è quella sprigionata da qualunque cosa circondi e costituisca New York: i muri, le persone, le auto, l'asfalto, il fumo dai tombini ... Molte persone credono che io sia malato di New York, io invece credo che chiunque abbia un minimo di buonsenso non può che parlare bene di NYC.  

Ho viaggiato e viaggio abbasta (2/3 viaggi intercontinentali all'anno, almeno 4 in Europa e settimanalmente per l'Italia) e credetemi, neanche le più belle coste Californiane o la tanto acclamata San Francisco riesce in qualche modo a scalfire la magia e l'emozione che mi regala New York.
Sì perché New York è fatta così: ti regala sempre un'emozione unica, che porti con te sempre (nel mio caso quasi quotidianamente). Dire che è un sogno che si avvera è dire poco... sono andato a New York 3 volte negli ultimi 3 anni ed ogni volta la sensazione è quella di vivere davvero. Vivere davvero per me significa girarsi intorno, osservare le persone e lo scorrere della vita e pensare intensamente. Qualcuno di voi potrebbe dire: lo puoi fare benissimo nella città in cui vivi da 10 anni, Roma. Invece per me è tutt'altra cosa ( un qualcosa che non riesco a cogliere nel profondo di me stesso), è un qualcosa che rende tutto tremendamente inferiore a New York. Direi che è tutto abbastanza deludente. 

Per esempio, quando sono stato a Londra per la prima volta ero totalmente rapito da questa città (che reputo ancora oggi bella)... dopo qualche mese sono stato per la prima volta a NY e credetemi, ho ridimensionato Londra quasi reputandola un piccolo sputo della grande mela (e penso sia davvero così).
Forse perché le persone sono sempre così amichevoli a New York (anche in California devo ammettere), non ti giudicano mai (puoi uscire vestito in qulunque modo), non giudicano l'accento (il mio pessimo inglese, che comunque utilizzo bene per comunicare e prendendo il parallelismo con Londra, era un giudicare la persona in continuazione), e poi ancora le commesse nei negozi sorridono davvero e non per circostanza e ti aiutano davvero a scegliere i prodotti da acquistare e potrei continuare per ore. Praticamente funziona un po' tutto. Certo, viaggiare è una cosa e viverci è tutt'altra cosa... ma, seppur per viaggio (il primo è durato 30 giorni a NY) ho potuto toccare con mano quella che è la vera essenza di NY: una città che accetta tutti, che ti da la possibilità, che ti accoglie (come ha sempre fatto nella sua storia) ma che è pronta comunque ad espellerti se le carte non sai giocarle bene. 

Arrivati a questo punto qualcuno potrebbe dire: perché non ti trasferisci? Me la son sempre posta questa domanda. Probabilmente non è ciò che voglio davvero, altrimenti lo avrei fatto. Tendenzialmente però sono abituato sempre a vivere la vita senza troppi programmi (ovvero, vivo soltanto con alcuni pilastri come la famiglia che sto costruendo con la mia compagna, i sogni ed i viaggi che condividiamo) perciò chissà in futuro, mai dire mai. La domanda da porsi per chi già lavora in modo stabile e soddisfacente in Italia è: si guadagna abbastanza per vivere alla grande a New York, come da mie aspettative? Non saprei rispondere perché non conosco davvero queste dinamiche nella grande mela. Di sicuro so una cosa: se dovessi vivere a New York non mi accontenterei e non accetterei di fare una vita da "reddito medio", con tutto il rispetto per chi lo fa e vive a New York. Il perché é ovvio: questa città è tanto bella quante tentazioni offre... e se rifiuti sempre le tentazioni vivi praticamente male. Per tentazioni mi riferisco al: vivere in un bell'appartamento con tutti i comfort, andare a cena fuori senza chiedersi se davvero si ha disponibilità economica, fare shopping o semplicemente comprare qualcosa d'impulso. Perché New York è sfarzosa, è immensa ed è bellissima... vedere queste cose e non poterle assaporare, secondo me, è deprimente. Ecco, vedendo da questa prospettiva forse New York diventa più cattiva perché raggiungere questo livello di soddisfazione è davvero difficile, soprattutto per chi ha già una bella carriera e stabilità in Italia ed ha anche una certa età... Per questo motivo mi godo New York una volta all'anno, proprio come succede nei film,  film che ci hanno plasmato e ci hanno fatto innamorare di questa città. Personalmente credo che i film (che hanno su di me un effetto incredibile) mi hanno aiutato in alcune scelte: mi sono innamorato di Roma grazie a Sordi (e sono andato a studiare, lavorare e vivere in questa città), il mito di New York invece è stato plasmato da Frank Sinatra con le sue note, da Sergio Leone con quel capolavoro di C'era una volta in America e dai vari film Gangster movie che hanno visto New York come set cinematografico. Ed è proprio questo il punto: New York è la città più ripresa dalle cineprese nella storia del film, credete sia casuale? Certo che no. Semplicemente, è la città più bella del mondo. E ce lo dimostra anche Piero ogni giorno, con i suoi bellissimi video ed i suoi incredibili tour a New York.... a New York il mito ed il sogno diventano realtà anche con una semplice vacanza e qualche giorno per Manhattan. Dove troverete il cibo più vario e buono in assoluto, dove non si finirà mai di sognare e dove si trova l'ispirazione per qualunque attività... insomma, New York è davvero tanta roba e nessun'altra città riuscirà mai ad avermi!


I migliori Supermarket di New York January 01 2018

Paolo Parigi

Quando si pensa a New York non si può non pensare al cibo e poco importa se i vostri gusti prediligano il Junk Food oppure più raffinate cucine. New York riuscirà a soddisfare qualsivoglia esigenza culinaria. 

Tra ristoranti, pub, cibo da strada, esiste anche un'altra opazione che può tornare utile soprattutto se avete fittato un appartamento. Sto parlando dei supermarket di New York, enormi luoghi dove troverete qualunque cosa. Se ci siete già entrati, avrete visto sicuramente l'enorme quantità di cibo in esposizione, le tentazioni sono davvero tante ed è quasi impossibile uscire da un Supermarket senza aver acquistato qualcosa.  

Quindi, se avete possibilità di cucinare nel vostro appartamento è una soluzione ottima ed economica ma attenzione: i supermarket di New York servono anche cibi pronti in vaschette, ecco perché è un'ottima soluzione per pranzare velocemente. Infine, non sottovalutate una delle cose che ho amato di più: mangiare un pasto caldo ed osservare centinaia di persone che passano in continuazione. 

Ma veniamo a noi... ecco una lista dei migliori supermarket della grande mela. Ce ne sono tantissimi altri ma questi sono quelli che preferisco di più

 

Whole Foods Market

Ottima scelta di cibi pronti da mangiare in loco o portare via per un pic- nic.Troverete vasta gamma di Biologico a New York. direi che è anche il supermarket  per eccellenza in ambito bio. Al 2 ° piano dispone di abbigliamento, vitamine, erbe, shampoo, set di cortesia... insomma, troverete di tutto ma a caro prezzo. 

Maggiori informazioni le troverete sul sito ufficialehttps://www.wholefoodsmarket.com Il Whole Foods Market si trova al 10 Columbus Cir Ste Sc101, New York, NY 10019, Stati Uniti.

Ci sono altri Whole Foods Market, vi segnalo anche questi: 

95 East Houston St
4 Union Square South
270 Greenwich Street
250 7th Ave
250 East 57th Street
808 Columbus Avenue

Eataly NYC Flatiron

Per chi non riesce a rinunciare al cibo italiano, Eataly è la risposta giusta. Poco distante dal Flatiron, questo posto è enorme ed è sempre pieno! Non troverete solo italiani all'interno ma anche molti americani che amano la cucina italiana. L’italian Style è un marchio decisamente ben voluto nella grande mela!

Tutto è delizioso ma anche costoso, se avete nostalgia di casa qui potete trovare un attimo di felicità. Al suo interno ci sono 5 diversi location per mangiare tra cui  pesce, carne, pizza… Hanno anche un mercato fresco di frutta e verdura che propone panini, pasta, caffè espresso (quello buono) e gelato (non male). Sicuramente vale anche solo una visita! Eataly NYC Flatiron, 200 5th Ave, New York, NY 10010, Stati Uniti

https://www.eataly.com/

 

Trader Joe’s


E' un ottimo supermarket situato sulla sesta ed è specializzato in cibi pronti. Troverete di tutto: pesce, carne, sandwitch, la qualità non è male ed il prezzo è economico. Non è immenso come gli altri ma riuscirà sicuramente a soddisfare le vostre esigenze. 

https://www.traderjoes.com

Trader Joe's, 675 6th Ave, New York, NY 10010, Stati Uniti

 

Fairway Market

La prima impressione non rende giustizia. Da fuori non ispira moltissimo ed appena entrati sembra piccolo. Però basta un po' più di tempo e girovagando per gli scaffali noterete che non è piccolo ed è anche ben curato: tutto è organizzato per categorie su scaffali ben tenuti e molto puliti. Ha una vasta scelta di cibi preparati ed anche un angolo carni. Ho adorato la sezione formaggi a prezzi davvero ottimi!

https://www.fairwaymarket.com

Fairway Market, 74th Street, 2131 Broadway, New York, NY 10023, Stati Uniti

 

Morton Williams

Infine, volevo citarvi anche il Morton Williams. Ce ne sono molti per New York. Sono supermarket ben forniti ad un prezzo medio. Ci sono andato durante il primo viaggio a New York quando mi serviva un supermarket vicino Central Park (140 W 57th St, New York). Tutto buonissimo soprattutto la macedonia con frutta sempre freschissima. Un'opzione perfetta per chi vuole fare un pic-nic nella meraviglia del Central Park. 

 

Ultimi consigli... 

Se volete fare una bella spesa, non preoccupatevi della monetina per il carrello, a New York non è necessario. Se prendete frutta e verdura non c'è bisogno di pesarla perché in cassa provvederanno a prezzarla.
Se acquistate alcolici servirà sempre il documento. Prestate molta attenzione alle diciture presenti sulle confezioni, si parlerà di Organic o Antibiotic free, la legge USA permette molte cose ma obbliga anche a far conoscere ai consumatori cosa acquistano.

Ricordatevi anche che a New York ci sono le Pharmacy. Il nome ispira medicine ma a  New York sono dei veri e propri supermarket dove è possibile trovare quasi tutto e sono ovunque. Quindi se state passeggiando per la grande mela e dovete acquistare qualcosa ricordatevi che in Farmacia è possibile trovare la maggior parte delle cose.


Esiste un hotel a New York con il bidet? Ne ho trovato uno! January 01 2018

E' la prima notte del 2018 e non ho tanta voglia di dormire, e così ho fatto  una ricerca per scovare se ci sono hotel a New York che hanno il famoso bidet! Quest'oggetto tanto prezioso per gli italiani, ma che il resto del mondo in parte ignora. E come mostro in questa foto presa da tripadvisor, amici cari l'hotel Michelangelo il Bidet ce l'ha!

Questa è la foto presa da tripadvisor!



Sappiate che la posizione è centralissima!

Il prezzo è discreto, e il prezzo migliore lo trovate cliccando qui


Ci siamo divertiti caro 2017 December 30 2017 11 Comments

Compleanno
ALBERO GOSSIP GIRLGOOGLE FLATIRON

Capodanno a Times Square: 7 consigli per viverlo al meglio December 28 2017

Il capodanno è il giorno in cui festeggiamo la fine di un anno e l'inizio del nuovo, assieme alla ventata di novità e promesse che cercheremo di mantenere (almeno per un paio di mesi). Uno dei momenti più belli che si possano vivere a New York è il capodanno a Times Square, il crocevia del mondo che durante questo periodo si riempie di persone che attendono con ansia lo scoccare della mezza notte. 

Capodanno a Times Square

Capodanno a Times Square

1. Arrivate presto, ma non troppo!

Se volete accaparrarvi un bel posto per assistere alla famosa Ball Drop bisogna recarsi presto a Times Square, ma non troppo! Questo perchè prima dell'evento la piazza viene sgomberata dalla polizia e vengono posizionate delle transenne per delimitare gli spazi. Il mio consiglio è quello di arrivare a Times Square nel primo pomeriggio e scegliere la posizione che preferite con calma. Da ricordare però che una volta poste le transenne si potrà accedere alla piazza solo attraverso le entrare dalla 8th e 6th Avenue e dalle 22:30 in poi sarà possibile accedere solo se si ha una prenotazione in uno dei locali di Times Square. 

2. I posti con la vista migliore 

Il Ball Drop avviene all’One Times Square, tra la 7th Avenue e 43rd Street, mentre l'impianto è situato all’incrocio tra Broadway, 45th Street e 7th Avenue. Altre posizione strategiche potrebbero essere quelle vicino agli schermi che si trovano tra la 50th, 52nd, 54th e 58th Street. 

Capodanno a Times Square

3. Servizi igienici? Un miraggio!

C'è poco da fare, se volete mantenere il posto che avete tanto faticosamente guadagnato il bagno non è una opzione disponibili. All'interno della piazza non ci sono servizi igienici se non quelli dei locali che però non possono essere utilizzati se non dai clienti. Il consiglio è quello di andare in bagno prima e di non lasciare il proprio posto per nessun motivo, la polizia non vi lascerà entrare più nella vostra area anche se li avete tutto il vostro gruppo di amici. 

4. Non esistono pass per l'ingresso

Non lasciatevi truffare, l'ingresso a Times Square è completamente gratuito e non esiste alcuna forma di pass per poter prenotare un posto. Una volta raggiunta la capacità massima della piazza la polizia farà entrare solo chi ha una prenotazione in uno dei locali della piazza. 

Capodanno a Times Square

5. Controllate il meteo 

Sembra un consiglio sciocco ma controllare il meteo sarà la vostra salvezza. Il tempo a New York a Dicembre è molto instabile ma tendenzialmente molto freddo. Copritevi bene e dotatevi di guanti e capello caldi perchè il freddo ci sarà anche se siete attaccati ad un altro milione di persone. 

Capodanno a Times Square

6. Cibo si, alcool no

All'interno degli spazi delimitati dalle transenne non c'è alcun tipo di rivenditore di cibo, bisognerà quindi portarsi i propri snack da casa. Sul cibo non ci sono particolari limitazioni ma l'alcool non è ammesso in nessuna maniera.

7. Niente borse grandi

Questo è un consiglio fondamentale: non portate con voi borse di grandi dimensioni, altrimenti non vi faranno entrare in alcun modo! Se dovete portare qualcosa con voi usate delle piccole borse o buste, ma se potete evitate anche queste ultime. Le uniche cose assolutamente necessarie sono una carta di credito, contanti, un documento d'identità e un telefono. 

Insomma, se volete godervi l'esperienza di vivere un capodanno a Times Square bisogna tener conto di questi utili consigli e per il resto non vi aspetta che attendere lo scoccare della mezzanotte. 


Cosa nettere in valigia per un viaggio a New York durante la stagione Autunno/Inverno December 24 2017

Settembre è ormai arrivato ed è solo questione di tempo prima che le temperature incomincino a scendere. Anche se il tempo tende ad essere mite fino a metà Ottobre, vi consigliamo comunque di fare le valigie come se stesse facendo un viaggio che incomincia a Settembre e finisce ad Aprile. L'importante è sapere quali sono le cose indispensabili da avere con sé. Di solito i mesi più freddi sono Dicembre, Gennaio e Febbraio, ma, a volte, le temperature possono iniziare a scendere anche all'inizio dell'Autunno. Uno dei consigli più preziosi che possiamo darvi, è quello di mettere in valigia abiti che vi consentano di vestirvi a strati. A volte, fuori può essere molto freddo, ma all'interno potreste incontrare delle temperature abbastanza calde. Inoltre, solo perché fuori fa freddo, non significa che non possiate indossare un abito mozzafiato per la serata, basta solo sapersi organizzare.

Cosa bisogna mettere in valigia per una vacanza in Autunno/Inverno

Ecco la lista degli indumenti indispensabili per il vostro viaggio:

  • Sciarponi
  • Cappelli di lana o berretti
  • Guanti
  • Maglioni
  • Cappotti isolanti
  • Giacche leggere
  • T-shirt da indossare sotto altri capi
  • Jeans
  • Scarpe anti scivolo
  • Calzini in abbondanza
  • Intimo termico (se siete delle persone molto freddolose)
  • Intimo in abbondanza
  • Occhiali da sole (che sono utili in qualsiasi momento dell'anno)
  • Carica batterie per cellulare e per computer
  • Power bank
  • Medicine per tosse e raffreddore (giusto per essere prudenti)
  • Disinfettante per le mani
  • Qualche bustina richiudibile in più per il viaggio di ritorno
  • Una piccola torcia

 

In particolare per le donne

A prescindere dal motivo che vi ha portato a fare il vostro viaggio, vale sempre la pena mettere in valigia un vestito per la sera. Durante i mesi più freddi, pensate anche a portare delle scarpe che potete portare con voi e cambiarle nel momento in cui arrivate  a destinazione.

  • Reggiseno di riserva (quando fa molto freddo, a volte può essere utile avere con sé un reggiseno sportivo)
  • Un cappuccio per coprirvi dal freddo
  • Stilavi impermeabili per camminare in città
  • Se avete intenzione di mettere in valigia delle gonne lunghe, assicuratevi che non siano così lunghe da toccare terra. In questo caso potrebbero sporcarsi subito
  • Portate con voi una borsa dove mettere le vostre scarpe di ricambio
  • Abbigliamento comodo o un pigiama a due pezzi

In particolare per gli uomini

Gli uomini riescono a cavarsela più facilmente quando le temperature sono più fredde. È importante avere la giacca giusta che vi tenga caldi, ma anche una giacca che non sia troppo ingombrante.

  • Giacca sportiva
  • Pantaloni eleganti
  • Camicia legante
  • Pigiama comodo
  • Scarpe impermeabili 

 

Cosa lasciare a casa?

Ci sono certe cose che non vale mai la pena di portare quando si viaggia per meno di due settimane, come, ad esempio, un barattolo grande di shampoo, piastre o qualsiasi altro aggeggio elettronico di secondaria importanza, gioielli e bottiglie d'acqua. C'è una cosa che, però, probabilmente sarete tentati dal ficcare in valigia anche se solitamente è più comodo e pratico acquistarla una volta arrivati a destinazione.

Ombrello-- Solitamente, è possibile acquistare un ombrello di buona qualità spendendo intorno ai $10- Se proprio ci tenere a portarvi un ombrello da casa, vi consigliamo di portarne uno economico che potete lasciare lì prima di partire o regalare a qualcuno prima di andare in aeroporto.

Non vi preoccupate se il cattivo tempo vi prende alla sprovvista. Se vi attenere alla lista che vi abbiamo presentato, sarete pronti per affrontare qualsiasi condizione meteorologica che potreste incontrare una volta arrivati a New York.

Attenzione: Se avete intenzione di godervi delle attività turistiche all'area aperta, vi consigliamo di mettere in valigia anche un paio di poncho usa e getta per proteggervi dalla pioggia. Potete acquistarli anche una volta arrivati a New York, ma è più pratico se li portate direttamente da casa. Sì, effettivamente il poncho non è un accessorio molto fashion, ma quel che è certo è che vi terrà asciutti.

 


Cose da fare a New York City: la festa di San Gennaro December 24 2017

Non c'è niente di più bello a New York City degli Street Festival. Si tratta di feste semplici, ma allo stesso tempo molto divertenti e piene di entusiasmo. Se vi trovate a New York City verso la metà di Settembre, non potete perdervi i festeggiamenti che si tengono a Little Italy. Quest'anno si terrà la 91° edizione della Festa Annuale di San Gennaro. Quest'anno, il festival si terrà dal 14 al 24 Settembre. I festeggiamenti cominceranno alle 11:30 e dalla Domenica al Giovedì si concluderanno alle 23, mentre il Venerdì ed il Sabato a mezzanotte.

Ogni giorno, dalle 19 alle 21:30 è previsto un intrattenimento musicale gratuito. Oltre alla musica, sono previsti anche diversi eventi culinari e elezione che si terranno ogni pomeriggio dalle 14 alle 17 al FESTIVAL STAGE che si trova all'angolo tra Grand e Mott Streets a Manhattan.

Questo evento si tiene ogni anno in onore del Santo Patrono di Napoli e sono ormai 91 anni che Little Italy ospita questo festival. Dal 1996, la manifestazione viene organizzata dall'associazione Figli di San Gennaro, un'organizzazione non profit che si occupa di mantenere vivo lo spirito e la fede dei primi immigrati italiani che hanno vissuto e lavorato in questo quartiere agli inizi del XX secolo. La festa prevede anche qualche cerimonia religiosa, ma tutti sono i benvenuti a partecipare a questo evento per conoscere ed apprezzare le abitudini italiane, o meglio le abitudini degli italo americani che vivono a New York City.

Durante la Festa di San Gennaro ci sono tantissime cose da fare, tra cui assaggiare le specialità italiane ed il cibo di strada, l'intrattenimento ed i tanti prodotti che vengono venduti dagli artigiani. Avrete l'opportunità di conoscere tantissime persone che hanno deciso, come voi, di partecipare a questo amatissimo evento di NYC.

 

Cibo

Durante la festa vengono servite tantissime varietà di cibi. Alcuni vi sembreranno più familiari, altri saranno una piacevole sorpresa. La maggior parte di ciò che troverete, appartiene alla tradizione italiana, ma ci saranno anche tante altre cose da assaggiare. Procedete con calma, così sarete sicuri di aver assaggiato tutto. Troverete:

  • Una grande varietà di carni italiane tra cui salsiccia, braciole, salumi, polpette, arrosticini, prosciutto e tanto altro.
  • Cannoli ed altri dolci italiani
  • Pollo, Manzo e Parmigiana di melanzane
  • Mozzarella
  • Zeppole di San Giuseppe
  • Arancini
  • Ravioli fritti
  • Granchio tenero
  • Spiedini di scampi
  • Arepa sud americana
  • I tradizionali bagel di New York con i condimenti classici
  • Cibo da fiera come funel cake, zucchero filato, Oreo fritti ecc...
  • Torroni ed altri dolci di Piccola Casa Dolce
  • Gelato
  • Stromboli
  • Ostriche e vongole fritte
  • Pizza

 

Intrattenimento

Durante il festival ci saranno diversi tipi di intrattenimento musicale, artisti di strada, abbuffate di cibo, giochi da feste e molto altro ancora. Partecipando a questa festa respirerete un'atmosfera davvero unica. Tutti gli eventi sono segnati sul programma della manifestazione, ma in qualsiasi momento decidiate di unirvi alla festa, ci saranno tantissime cose da fare e da vedere.

  • Ruota Panoramica
  • La Grande Processione con Chazz Palminteri come Gran Cerimoniere. La processione avrà luogo alle 14 di Sabato 16 Settembre

  • Lunedì 18 Settembre c'è l'Opera Night
  • Alle 13 di Sabato 23 Settembre, Tony Danza ospiterà la famosa gara annuale durante la quale i partecipanti si sfideranno a mangiare quante più polpette possibili

  • Oltre agli spettacoli che si tengono di sera, ci sono anche degli spettacoli di musica, delle commedie ed una serie di varietà che si terranno durante gli 11 giorni di festa

Un consiglio: Portatevi le bottiglie d'acqua da casa. Vi converrà risparmiare i vostri soldi per assaggiare le specialità culinarie che sono offerte durante la Festa di San Gennaro.

 

Guardate il video che abbiamo postato qui sotto:

 

Partecipare alla Festa di San Gennaro a Little Italy è davvero una delle cose più belle da fare a New York City. Vi invitiamo a partecipare a questa festa dove potrete respirare la cultura italo americana che si sente nell'aria durante tutta la durata di questa fantastica ed indimenticabile festa.


Cose da fare a New York City: vivere il sogno di ogni Fashionista al Museo del Fashion Institute of Technology December 24 2017

Non ci sono dubbi sul perché il Museo al Fashion Institute of Technology (FIT) è considerato il museo più fashion di tutta New York City, ed è perché è pieno di bellissimi vestiti, tessuti, scarpe ed accessori del passato (arrivando fino al XVIII secolo), del presente e a volte anche del futuro. Questo tesoro è una delle cose più belle da vedere a New York City, soprattutto per chi ama i vestiti. Anche le persone che non sono particolarmente interessate alla moda, trovano molto interessante questo viaggio attraverso le mostre permanenti e le mostre speciali. Potreste anche trovare dei capi del passato che aggiungereste volentieri al vostro guardaroba di oggi!

La collezione permanente prevede una collezione ricchissima con più di 50,000 pezzi a rappresentanza migliori stilisti più famosi di sempre come Chanel, Dior, Balenciaga e molti altri ancora. Spesso fanno anche delle esposizioni di pezzi della moda contemporanea avant-garde.

Il museo ha delle gallerie su tre livelli. Il primo livello è dedicato alle mostre speciali, il primo piano alla storia della moda, mentre al terzo c'è la Galleria FIT, che presenta i lavori degli studenti della facoltà.È un'ottima occasione per ammirare, prima di chiunque altro, i lavori delle nuove stelle nascenti.

Il Museo al FIT si trova sulla Seventh Avenue alla 27 Street a New York City 10001-5992. È aperto dal Martedì al Venerdì dalle 12 alle 20 ed il Sabato dalle 10 alle 17. Sono chiusi la Domenica, il Lunedì, il 4 Luglio, il Giorno del Ringraziamento, a Natale e Capodanno.

Alcune curiosità sul Museo al FIT

  • Ogni anno si registrano circa 100,000 visitatori
  • Al mondo ci sono solo pochi musei dedicati alla moda. Tra questi: Muse de la Mode, il Mode Museum e il Museo de la Moda.
  • Alcune delle loro mostre più discusse sono state: The Corset: Fashioning the Body, Gothic: Dark Glamour e Queer of Fashion: From the Closet to the Catwalk.
  • Il museo è stato fondato nel 1969, ma è nel 1974 che si è trasferito all'attuale indirizzo. Le mostre ufficiali sono cominciate nel 1970.
  • I veri fashionisti possono controllare online le collezioni del FIT cliccando qui.
  • Al primo piano della galleria la mostra cambia completamente ogni 6 mesi, sempre ricoprendo un arco di 250 anni di moda.

  • Il Museo del FIT organizza diverse conferenze, dibattiti, tuor speciali guidati ed ogni anno c'è il Fashion Symposium al quale partecipano alcune dei più grandi geni della moda provenienti da tutto il mondo. Per conoscere i prossimi eventi in programma cliccate qui.
  • Non è presente un guardaroba dove lasciare i propri cappotti e le proprie borse, per cui portate poche cose con voi se siete intenzionati a visitare il museo.

Speriamo che vi godrete questa bellissima esperienza al museo del FIT dove avrete l'opportunità di imparare tutto ciò che c'è da sapere sui vestiti.

 

[Immagine di Fernando Leon/FIT]

 


Bere (e mangiare) come un newyorker: l'happy hour al Mermaid Inn December 24 2017

Le parole "Happy Hour" riescono sempre a diffondere gioia tra le persone. L'Happy Hour al Mermaid Inn a NYC non solo è il posto con le offerte migliori, ma offre anche dell'ottimo cibo e degli ottimi cocktail. L'Happy Hour al Mermaid Inn c'è tutti i giorni della settimana dalle 17 alle 19.

L'ambiente è ricco, un po' scuro ed ha un non so che di nautico. Quando il tempo è buono, potrete accomodarvi all'esterno. Durante l'Happy Hour, anche se avete una prenotazione, entra in vigore la politica del chi prima arriva si siede, quindi organizzatevi per arrivare in tempo. Infatti, anche se non è espressamente richiesto, vi consigliamo comunque di prenotare, perché il locale si riempie quasi subito. Potete fare una prenotazione visitando il loro sito web oppure utilizzando Open Table. Se vi trovate a New York City e siete in cerca di un drink e di qualcosa da stuzzicare, il Mermaid Inn offre un'ottima combinazione di antipasti, snack, crostacei e molluschi, drink ed alcune specialità che vengono servite alla fine del servizio.

Il Mermaid Inn si trova in tre diversi quartieri.

  • Upper West Side

570 Amsterdam Ave

NY, NY 10024

  • East Village

96 Second Ave

NY, NY 10003

  • Greenwich

79 Macdougal Street

NY, NY 10012

Attenzione: Questa location viene chiamata The Mermaid Oyster Bar ed ha un menù leggermente diverso per l'Happy Hour, ma il Lunedì offrono anche un Happy Hour speciale che continua per tutta la serata.

Se volete fare un pasto completo, non resterete delusi dall'offerta, ma questo post è dedicato all'Happy Hour. Cos'è che lo rende così speciale?

I Drink

Il Mermaid Inn ha un bar molto completo, per cui siete liberi di ordinare qualsiasi cosa di cui abbiate voglia, ma ci sono alcune specialità che vale la pena di provare.

Il vino della casa sta $7 al bicchiere

La birra alla spina $5

Ci sono dei cocktail speciali che sono molto buoni e dentro c'è anche una buona quantità di alcool.

I cocktail speciali per l'Happy Hour al Mermaid Inn sono: Dark & Stormy, Mermaid Mary, the Pink Flamingo (molto rinfrescante), Hot & Dirty e l'Aperol Spritz.

 

Il Cibo

Qualsiasi buon posto di pesce a NYC ha dei molluschi freschi, ma la qualità che ricevete durante l'Happy Hour al Mermaid Inn vale proprio la pena di una visita.

Molluschi

  • Le Ostriche Scelte dello Chef
  • Cozze Littleneck

Antipasti e snack

Ci sono diverse opzioni che includono Ostriche Fritte, Avocado, Gamberi e Cozze.

Ma ci sono molte altre cose da provare:

  • Calamari Fritti
  • Delle mini Zuppe di Mais e di Vongole (Ce ne sono altre servite in base alla stagionalità)
  • Mini Tacos di Pesce
  • Patatine Fritte Old Bay (Ok, questo piatto forse non è sul menù dell'Happy Hour, ma sono speziate così bene e fritte alla perfezione che vi consigliamo di ordinarle)

Ci sono poi anche dei budini al cioccolato gratuiti

Vi auguriamo di godervi questa esperienza dell'Happy Hour al Mermaid Inn.


Vivere come un newyorker: mangiare, bere ed ascoltare il Jazz al Blue Smoke December 24 2017

Per alcuni la serata perfetta è fatta di buon cibo, buon alcool e buona musica. Il Blue Smoke è il posto preferito dai Newyorkers e per coloro che vogliono passare una serata memorabile ma allo stesso tempo elegante. Qui si respira la così detta Southern Hospitality, il tipico senso di ospitalità che caratterizza gli stati del sud. A fianco, troverete un famosissimo jazz club conosciuto in tutto il mondo, il Jazz Standard.

Il nome Blue Smoke si usa di solito per indicare il punto di perfetta affumicatura della carne. E questa è solo una delle prelibatezze che vi aspettano al Blue Smoke. Lo Chef Jean-Paul Bourgeois ha creato un menù talmente ricco che la scelta è difficilissima, ma siamo sicuri che qualsiasi piatto scegliate di prendere, a patto che scegliate qualcosa al sapore di barbecue, resterete soddisfatti. Per quanto riguarda la sezione alcoolici, si tratta di prodotti USA. Tutti i loro prodotti, dai vini alla birra (in particolare il whiskey) sono tutti fatti negli Stati Uniti.

È da più di 10 anni che il Jazz Standard si è guadagnato la sua fama e qui si sono esibiti alcuni tra i più grandi artisti contemporanei. Il club ospita due esibizioni ogni sera dalle 19:30 alle 21:30. Il Venerdì ed il Sabato c'è un'esibizione extra fino alle 23:30 in base alle richieste. Per quanto riguarda i biglietti, vi consigliamo di acquistarli in anticipo andando sul sito. È possibile consumare alcuni piatti del Blue Smoke anche al Jazz Standard.

Nota: Il Jazz Standard è un locale per tutta la famiglia. Si può entrare con i propri figli per sentire un po' di musica a patto che i bambini siano tranquilli. La domenica organizzano il "Jazz for Kids"con delle performance adatta alle famiglie con i bambini più piccoli.

È davvero difficile scegliere cosa ordinare. Se andrete in compagnia potreste pensare di ordinare pietanze diverse ed assaggiare un po' di tutto. I secondi ed i contorni sono buonissimi, ma c'è molto altro da provare.

Quali sono i cibi da provare assolutamente al Blue Smoke (molti li troverete nella sezione 'snack'):

  • Warm Barbecue Potato Chips: Delle patatine così non le avete mai mangiate. Sono speziate con un retrogusto dolciastro e si sposano benissimo con la loro salsa al gorgonzola e bacon.
  • Deviled Egg: Questo piatto è presente sulla maggior parte dei menù dei ristoranti di New York, ma è difficile trovare quelle che sono davvero buone. Queste hanno un sapore deciso e sono così cremose che vale davvero la pena ordinarle. 
  • Cornbread Madeline: Sono davvero buonissime. La consistenza è ancora più buona se ci aggiungete un po' di burro e di miele.
  • Il loro famoso Barbecue Pit Stop vi fa scegliere un taglio dal Pit che comprende Costolette di Collo, Pollo speziato ed affumicato, Costolette di Maiale, Spalla di Maiale, Punta di Petto al Pepe, Salmone al Barbecue. Anche se quando si aggiungete la Barbecue tutto diventa più buono, le Costolette di Collo e la Punta di Petto al Pepe migliorano davvero tantissimo. Oltre alla carne, sono compresi anche due contorni. Anche in questo caso, tutti i piatti sono buoni, ma in particolare, vi consigliamo di provare il Mac & Cheese, molto amato da tutti i clienti.

  • Conservate un po' di spazio per il dolce. Hanno dei dolci buonissimi che sfornano freschi ogni giorno.

Il locale ha due sedi storiche, ma potrete ascoltare la musica del Jazz Standard solo se vi recate al locale che si trova al 116 E. sulla 27th Street (Tra Park e Lexington). La seconda sede si trova a Battery Park al 255 di Vessey St. (West Street & North End Ave.)

Ma ci sono ancora altre opzioni... Ci sono altri due stand del Blue Smoke. Uno si trova al Citi Field dei New York Mets e poi c'è un Blue Smoke on the Road che ha aperto nel 2013 al Terminal 4 dell'aeroporto J.F.Kennedy.

Ci consigliamo di provare questa tripletta cibo, alcool e musica. Potete andare al Blue Smoke a pranzo, o per un brunch o anche a cena se avete altri programmi per dopo. Vale davvero la pena di farci visita. Si tratta di uno dei posti migliori di NYC.

 

[Immagini del Blue Smoke by Marissa Vicario MWAH]


Cose da fare a New York City: l'esperienza dell'Oktoberfest a NYC December 24 2017

Solo perché non siete a Monaco, non significa che non possiate godervi il divertimento della festa autunnale dell'Oktoberfest. Se vivete a New York City, o anche se siete solo di passaggio, una delle cose più belle da fare verso fine Settembre/inizio Ottobre è trovare un posto dove festeggiare l'Oktoberfest. Tutti i ristoranti ed i bar tedeschi che si trovano a NYC organizzano per celebrare questa festa con alcool e salsicce e volontà. Troverete che alcuni eventi sono più belli di altri. Noi abbiamo messo insieme un po' di informazioni sui due festival più popolari ed abbiamo valutato un po' le esperienze dell'Oktoberfest basandoci sul cibo, sulla birra, sui pretzels, le belle donne che indossano il Dirndl, gli uomini che indossano i Lederhosen, la musica e tanto altro ancora.

Oktoberfest a NY - Watermark Bar

Uno degli eventi più popolari dell'Oktoberfest non ha niente a che vedere con la vostra solita esperienza nei bar e nei ristoranti. Si tratta di un festival in piena regola che si chiama OktoberFest NYC e si tiene durante i weekend dal 15 Settembre fino a Lunedì 2 Ottobre. È un evento che si tiene ogni anno ed è sponsorizzato dal Watermark Bar. Qui le persone possono godersi una bella birra, della musica tradizionale tedesca, dell'ottimo cibo, giochi e molte altre attività divertenti per tutta la famiglia. Ovviamente, le attività che prevedono la consumazione di alcoolici sono limitate a coloro che hanno già compiuto 21 anni. Uno degli eventi più popolari che si tengono durante questa festa è una gara di forza durante la quale le persone di sfidano a reggere un boccale molto pesante. Questo festival si svolge a Pier 15 sulla 78th South Street, New York, NY 10038. I ticket sono disponibili online e di solito questo tipo di eventi diventano subito sold out, per cui vi consigliamo di acquistare in anticipo i vostri biglietti. Alcuni biglietti sono omaggio, oppure potete acquistare degli all-you-can-drink, ma vi consigliamo comunque di riservarvi il posto. Inoltre, la vista è davvero spettacolare. Vi consigliamo di darci un'occhiata.

Zum Schneider - Monaco sull'East River

Zum Schneider è un famosa Birreria Bavarese e Ristorante Tedesco che ha ben due sedi. Una nell'East VIllage di NYC (24-20 FDR Drive Service Road East New York, NY 10010), per raggiungere l'altra bisogna fare un bel road trip fino a Montauk - entrambi i ristoranti organizzano delle attività per l'OktoberFest, anche il festival che si tiene presos quello di Manhattan è considerato da alcuni come l'unico Oktoberfest tradizionale di New York City. Si chiama Monaco sull'East River. Il team di Zum Schneider organizza un party che si tiene dalle 13 di Sabato, 23 Settembre e continua fino alla mezzanotte della Domenica seguente. L'entrata è libera e sono disponibili tantissime birre alla spina di importazione.

Il grande evento si tiene a partire da Venerdì, 29 Settembre fino a Domenica 8 Ottobre. I festeggiamenti infrasettimanali si tengono dalle 17 fino alle 22, ma se uscite fuori dai capannoni, c'è un afterparty a soli 10 minuti a piedi. Durante il weekend, i festeggiamenti iniziano a mezzogiorno. La Domenica si chiudono alle 20, ma il Sabato continuano fino alle 22. Questi eventi non sono gratuiti. Una delle sorprese speciali di questo evento è la musica. I biglietti sono già sold out per i giorni del weekend. Il prezzo può variare da $28 fino ai $100, senza considerare il denaro extra che spenderete in cibo e birra. Come bar/ristorante, lo Zum Schneider è famoso per essere un esercizio che accetta solo contanti, ma per questo evento accetta solo carte di credito. I biglietti sono disponibili online, con qualche biglietto disponibile anche direttamente alla porta.  L'uso del costumi tipici è altamente incoraggiato. Oompah!

Qui abbiamo inserito un video grazie al quale potete avere un assaggio del divertimento che vi aspetta all'Oktoberfest di Zum Schneider:

 Note:

  • Non sono consentiti zaini o borse grosse
  • Durante i weekend, si accettano prenotazioni per i posti per le fasce orarie che vanno dalle 12 alle 16:45 e dalle 17:15 fino alle 22. Chi ha prenotato un posto per il primo turno, dovrà lasciarlo per gli ospiti che arriveranno con la prenotazione della sera.
  • Una volta usciti non è possibile rientrare.
  • Non è permetto fumare all'interno dei capannoni.

Qualche consiglio: Se vi trovate a New York e volete partecipare a qualche evento per l'Oktoberfest, ma i biglietti per l'evento che avevate scelto sono già tutti finiti, provate a cercare su Google o su Yelp "German Bar" oppure "Oktoberfest" ed inserite il vostro codice postale. Sicuramente vi usciranno delle opzioni interessanti. In un modo o nell'altro, c'è sempre qualche opzione che vi permetterà di festeggiare l'Oktoberfest a New York City.

 

[Immagini di Zum Schneider NYC German Restaurant & Biergarten]


Cose da fare a New York City: osservare le stelle dall'High Line December 24 2017

Chi ha detto che a New York City non si vedono le stelle? Ci sono alcuni posti dove è possibile godersi il cielo autunnale e dove le luci della città sono più attenuate e disturbano meno gli osservatori. Una delle cose più belle da fare a New York City è Ammirare le Stelle dall'High Line. Lungo l'High Line ci sono dei telescopi che rendono l'esperienza ancora più speciale. Sono gratuiti e non c'è bisogno di prenotazione e permettono di godersi un'esperienza magica sotto le stelle.

A Partire da Aprile fino al 31 Ottobre, è possibile guardare le stesse sull'High Line tutti i Martedì dal tramonto fino alle 21:30. Visitare questo posto all'inizio dell'Autunno è un'esperienza davvero magica.

Nota: In caso di pioggia o neve, non è possibile ammirare le stesse dall'High Line. Per gli aggiornamenti potete seguire @highlinenyc su Twitter dove a partire dalle 15 sono pubblicati i vari aggiornamenti.

Gli osservatori delle stelle sono raggiunti anche da persone che appartengono alla Associazione di Atronomi Amatoriali di New York che aiutano gli osservatori ad utilizzare i telescopi, distinguere i pianeti ed osservare il cielo. I membri dell'associazione saranno anche a vostra disposizione per eventuali domande e curiosità sulla forza dell'universo.

Già di per sé, camminare sulla High Line è un'esperienza molto bella, ma diventa un evento imperdibile quando ci si aggiunge quella fresca brezza autunnale e l'entusiasmo delle persone che sono lì per ammirare il cielo.

 Ci sono alcuni chioschetti lungo il percorso se volete mangiare degli snack durante la vostra passeggiata sull'High Line, ma ci sono anche dei bar e ristoranti nella zona che, una volta finita la vostra avventura, vale davvero la pena di provare.

Questa attività si svolge al Diller-von Fustenberg Sundeck sulla High Line alla 14th Street.

 

[Credit delle Immagini Stargazing at the High Line]


Organizzare le vacanze: l’esperienza del Natale a New York December 24 2017

Già si parla di Natale? Sì, lo sappiamo. Non siamo ancora nemmeno ad Halloween. Molte persone stanno già organizzando la loro avventura al winter wonderland di New York che si tiene da Novembre fino agli inizi di Gennaio. Ad ogni angolo della strada potrete ammirare le luci di Natale e le bellissime decorazioni che addobbano le vetrine dei negozi. Molti bar e ristoranti offrono anche dei menù a tema natalizio. Anche se a New York non mancano mai le attività, alcune vanno programmate in anticipo, soprattutto se è previsto l’acquisto di un biglietto o se sapete già che vorrete visitare dei posti nei giorni più affollati dell’anno. Abbiamo messo insieme per voi una piccola lista di posti dove ci sono le decorazioni più belle, gli show da vedere ed anche alcune piccole attività bonus.

 

Le Luci e le Decorazioni Più Belle a New York

Quasi tutte le zone di New York City sono addobbate con delle bellissime luci e decorazioni festive. In qualsiasi quartiere vi troverete a passeggiare, sentirete forte lo spirito natalizio. Il Walk della Columbia University è tutto illuminato con delle lucine sugli alberi, il Columbus Circle/Time Warner ha delle speciali luci argentate che sembrano dei diamanti e dei fiocchi di neve a LED, South Street Seaport è tutto illuminato come anche le strade dei quartieri del Queens, di Brooklyn, del Bronx e di Staten Island. Tra tutte, ci sono delle zone che sono tra le più popolari sia tra i newyorkers che tra i turisti.

 

Su USA Today, è stata pubblicata la lista dei posti migliori a NYC dove osservare le illuminazioni.

  • Rockefeller Center, Manhattan
  • L’Orto Botanico di New York, nel Bronx
  • Le Luci di Natale di Dyker Heights, a Brooklyn.
  • La Fifth Avenue, a Manhattan
  • Bank of America Winter Village, Bryant Park. Nota: Qui i negozi sono davvero bellissimi.

  • World’s Largest Menorah, al Grand Army Plaza, a Brooklyn
  • Holiday Under the Stars, i negozi a Columbus Circle
  • Macy’s, a Manhattan
  • Historic Richmond Town, a Staten Island
  • Park Avenue, a Manhattan

 

GLI SHOW DI NATALE

 

A New York, ci sono tantissimi show di Natale, dai più classici e tradizionali, a quelli innovativi e anche a quelli un po’ pacchiani, ma che sono comunque molto divertenti.

Qui c’è la lista di New York City Theatre degli show natalizi più famosi che si tengono a NYC.

  • NYCB: Lo schiacchianoci. Al teatro David H Koch
  • Al teatro di Madison Square Garden

 

 

  • Metropolitan Opera: Il Flauto Magico. Al Metropolitan Opera House
  • A Christmas Carol. Al Beckett Theatre
  • Kris Kringle The Musical. Al Town Hall Theater
  • Rudolph the Red-Nosed Reindeer. Al Count Basie Theatre
  • Radio City Christmas Spectacular.

 

Il Radio City Music Hall Christmas Spectaculr con i Rockettes

Questa è una tradizione natalizia newyorkese che vale la pena di guardare almeno una volta. Anche se ogni anno cambia qualcosina, in generale, lo spirito dello spettacolo tende a restare sempre lo stesso. I balli sono bellissimi e ci sono anche una serie di eventi multimediali. Questo evento si basa sul lavoro di più di 140 artisti tra cui ci sono anche i Rockettes, famosi in tutto il mondo. Per i 90 minuti dello spettacolo assisterete alle performance di animali veri accompagnate da musiche originali. Lo show è presentato a partire dalla seconda settimana di Novembre fino ai primi di Gennaio. Quanto più vi avvicinate al periodo di Natale, più è probabile che i biglietti siano già esauriti. Il costo del biglietto va dai $35 fino al $700. Sono disponibili anche offerte per i gruppi ed i coupon.

Il Mariah Carey Christmas

Mariah Carey è una delle dive più popolari nel periodo natalizio. Infatti la sua “All I Want for Christmas Is You” è ancora un grande successo. Il concerto si tiene al Beacon Theater dal 27 Novembre fino al 5 Dicembre. Durante lo show la cantante si esibisce con i pezzi estratti dai suoi due album Merry Christmas e Merry Christmas II You, insieme ad altri classici natalizi. I biglietti sono disponibili e partono da $87.

I biglietti per tutti gli show sono disponibili online e vi consigliamo di acquistarli in anticipo.

 

Consigli per Altre Avventure Natalizie

  • Molte bakery artigianali vendono alcuni dolci tipici della stagione natalizia che preparano solo in questo periodo. Ricordatevi di chiederli quando andate a comprare qualcosa.
  • A meno che pattinare sul ghiaccio al Rockefeller Center non sia il vostro sogno di una vita: Evitatelo. Evitate questa piscinetta e andate a pattinare o al Bryant Park o a Central Park. Sono esperienze molto più belle.
  • Il giro notturno in barca sul Sunset Jazz Cruise è un'esperienza davvero unica e magica da provare durante le vacanze di Natale. Il bellissimo skyline di New York è ancora più bello con le luci e le decorazioni natalizie che donano energia positiva.
  • Lasciatevi un po' di tempo per ammirare le decorazioni natalizie nelle vetrine dei negozi in giro per la città. Tra le più famose ci sono quelle di Saks Fith Avenue, Macys, Lord & Taylor, Tiffany's e Bloomingdales.

Godetevi la bellissima atmosfera che si respira a New York durante le vacanze!


rilassarsi Come un newyorker: godersi un picnic in autunno December 24 2017

Nell’aria autunnale di New York City si respira qualcosa di magico. Alcuni ritengono che il momento dell’anno più bello sia l’Inverno, grazie anche alle luci, gli addobbi e l’aria di festa. Altri, invece, preferiscono la primavera, con lo sbocciare dei fiori e l’aria che comincia a riscaldarsi. Ce n’è anche qualcuno che preferisce l’estate, ma visto che New York tende ad essere molto calda ed umida, sono davvero pochi i fan di questa stagione che si consolano con le feste, gli eventi, i barbecue ed i concerti che vengono organizzati durante questa stagione.

In Autunno, specialmente dall’inizio di Ottobre fino a metà Novembre, c’è qualcosa di davvero speciale nell’aria. La città è viva ed attiva, il tempo inizia a rinfrescare, ma non fa ancora freddo. Gli alberi cambiano colore, ma non sono ancora spogli. È il momento ideale per godersi un bel picnic.

Molti vanno in qualche ristorante, chioschetto o bar e prendono qualcosa da mangiare per consumarlo poi seduti su qualche panchina per mangiare all'aria aperta, ma la cosa più bella è organizzare proprio un pranzo all'aperto, con la coperta sul prato, la compagnia di qualcuno, degli snack e tutto il resto. È così che diventa davvero un’esperienza imperdibile. Ci sono alcuni posti come ad esempio Dean & Deluca ed anche alcuni hotel che preparano degli ottimi cestini per il picninc e noi ne abbiamo selezionati alcuni posti che preparano dei cestini che renderanno il vostro picnic davvero indimenticabile.

 

Pappardella

Si trova ad un isolato di distanza da Central Park, questo famoso ristorante dell’Upper West Side prepara dei piatti davvero squisiti, dei veri e propri classici della cucina italiana. È possibile acquistare un cestino per il picnic per due o per quattro persone. Bisogna ordinarlo con 24 ore di anticipo, ma sono disponibili tutti i giorni della settimana dalle 12:30 fino alle 18. Il loro classico cestino da picnic comprende qualche panino, qualche antipasto, delle insalate e qualche assaggio di dessert. All'interno del cestino, troverete anche una tovaglia, dei tovaglioli e delle posate. Se volete aggiungere qualcosa al vostro cestino, basta scegliere dal menù. Nota:  alcuni siti di coupon come Groupon e Living Social offrono delle offerte per questi picnic. Se cercate qualche offerta per risparmiare, potreste prendere in considerazione l’idea di acquistare un coupon. Pappardella si trova al 316 Columbus Avenue sulla 75th Street, New York, NY, 10023.

 

Perfect Picnic

Quello che rende speciale Perfect Picnic è che offrono le loro consegne in tutta Manhattan per un costo di spedizione che varia da $10 ai $30 dollari. Oppure, potreste fermarvi voi all’81 Allen Street nel Lower East Side e ritirare il vostro cestino. Potete scegliere di acquistare diversi tipi di cestini confezionati in base al numero dei commensali. Ci sono le opzioni: American Classic, Family e Deluxe Picnic. Hanno davvero tantissime opzioni per il menù del picnic. È prevista anche una formula per i bambini, il Kids Picnic, che contiene un piccolo pasto ideale per i bambini al di sotto dei 10 anni. Se volete qualcosa di più stravagante, potete scegliere la ‘Picnic Experience’. Con questo pacchetto, acquisterete tutto ciò che può essere necessario per il vostro picnic, anche il servizio di un cameriere che vi servirà il pranzo e si occuperà di ripulire tutto una volta che avrete finito. Il costo per questo servizio parte dai $350 per un menù per due e per un periodo di tempo di 2 ore. Da notare che la mancia non è compresa nel prezzo. È davvero un’opzione molto romantica per chi vuole godersi un bel momento rilassandosi e non pensando a niente.  Per saperne di più cliccate qui.

Se volete altri suggerimenti, vi consigliamo di dare un’occhiata questo articolo di CBS che tratta proprio delle opzioni per cestini da picnic che potete trovare a New York, oppure questo pezzo del Time Out New York sui migliori cestini pronti per Picnic di NYC.

 

Consigli Generali per Fare un Picnic a New York

  • Prima di avviarvi, controllate il meteo. Fare un picnic all’aperto può essere divertente, ma se il tempo non è buono, perde un po’ della sua magia. Per cui fatevi un’idea delle condizioni metereologiche per essere sicuri di godervi al meglio la vostra esperienza.
  • Vi converrebbe acquistare un cestino da picnic già con tutto l’occorrente dentro, ma se non lo avete, potete andare in un negozietto e scegliere singolarmente gli oggetti che potrebbero servirvi durante la vostra esperienza, come ad esempio tovaglie, tovaglioli e stoviglie. O, se preferite, potete anche scegliere qualcosa di più elegante.
  • Scegliete in anticipo la vostra destinazione. Se avete bisogno di prendere qualche spunto su dove andare a trascorrere il vostro picnic, potete dare un’occhiata a questo articolo di CBS news dove hanno stilato la top ten dei più bei posti dove fare un picnic.
  • Tecnicamente, a New York non è legale bere alcool nei parchi, ma recentemente le leggi sono diventate meno severe, per cui scegliete dei contenitori più discreti per le vostre bevande. Portate con voi tutto ciò di cui potreste avere bisogno, come ad esempio un apri bottiglie. Molti cestini per picnic già pronti non comprendono alcoolici, per cui vi consigliamo di provvedere personalmente per le vostre bevande.

Godetevi il vostro picnic!


Mangia come un newyorker: un salto da Veselka December 24 2017

Veselka è un ristorante ucraino nato nel 1954 ed da allora è diventato un vero e proprio posto di culto nell'East Village. Il cibo è buonissimo e viene servito 24/7, ma il momento migliore per godersi questo posto sono le prime ore del mattino di ritorno da una nottata fuori. Il ristorante ha servito star, studenti, socialite e clienti di tutti i tipi. Primo o poi tutti quelli che hanno vissuto a New York o l'hanno frequentata assiduamente finiscono per fare un salto in questo ristorante. Da notare è che Veselka non delude mai, a prescindere dall'orario in cui vi presentiate. È una delle cose migliori da fare a New York City.

Il cibo è sempre buono. Il servizio è professionale, ma non assillante. La folla è varia come lo è la stessa New York. L'attesa a volte può essere lunga, specialmente durante il weekend quando chiudono i club, ma la fila scorre sempre abbastanza veloce per cui l'attesa non pesa poi più di tanto.

Dopo una lunga giornata in giro per la città o se avete voglia di mangiare la cucina ucraina, fermatevi da Veselka.

Cosa ordinare da Veselka:

Veselka non è il tipico ristorante. Lo staff è capace di rendere i piatti più semplici delle vere e proprie squisitezze. Ad un semplice toast al formaggio viene aggiunto del formaggio speciale e della buonissima marmellata di fichi. Anche se i piatti più comuni sono molto buoni, sarebbe un peccato non assaggiare le specialità ucraine che aiutato Veselka a diventare famoso.

  • Pierogi: Questi ravioli possono essere ordinati in diverse varianti che includono: patate, formaggio, carne, spinaci e formaggio, crauti e funghi, rucola e caprino ed il loro piatto speciale costolette e broccoli con formaggio.
  • Polpette ucraine: sono fatte con carne di maiale e di vitello e servite con salsa ai funghi, purè di patate ed uno dei loro contorni

 

  • Sidro di Mele: disponibile in autunno ed inverno
  • Blintzes: Crepes ucraine ripiene di formaggio dolce
  • Kutya: un budino fatto con frutti di bosco, uvetta, noci, semi di papavero e miele
  • E, ovviamente... Borsht: Ok, non tutti amano le rape, ma se vi piacciono e siete disposti a provare qualcosa di nuovo, provate questa zuppa.

Qualche informazione dal sito di Veselka:

  • Molti ingredienti sono scelti dalle migliori aziende locali
  • Ogni giorno preparano circa 3,000 Pierogi
  • Ogni anno preparano 18.927 litri di Borscht
  • Ogni settimana preparano 2500 pancake di patate

Veselka si trova sulla 144 2nd Ave., New York, NY 10003 e di solito è aperto tutti i giorni.

[Immagini di Global City, Rebekah Mintzer]


Cose da Fare a New York: Ripley's Believe It Or Not a Times Square December 24 2017

A New York non ci sono tante cose che sono così turistiche come il Museo di Ripley's Believe It or Not che si trova proprio nel cuore di Times Square. Non si tratta di un vero e proprio centro di arte e cultura e non cerca neanche di esserlo. È un posto che affascina ed intrattiene chi ha voglia di passare un paio di ore ad interrogarsi sulle stranezze umane, sulle mutazioni genetiche, il regno animale, i fenomeni naturali, le opere d'arte create con gli strumenti più impensabili e tantissime illusioni ottiche insieme a molto altro.

In tutto il mondo ci sono una 30ina di "musei" di Ripley's Believe It or Not. La maggior parte si trovano in zone particolarmente turistiche. Più che museo, a loro piace chiamarlo "Odditorium" (il posto dove ci sono tutte cose strane) ed espongono quasi tutti le stesse cose. Questo qui di NYC ha 500 oggetti distribuiti in 20 gallerie che riguardano le cose più inimmaginabili. È un posto adatto per tutta la famiglia, ma può diventare anche uno scenario interessante per un appuntamento o per una fantastica avventura notturna.

Alcuni si sentono offesi dagli oggetti o persone in esposizione che vengono etichettate come "strane". Si tratta di persone uniche al mondo, dalle più basse alle più alte, le più grasse o le più flessibili o le più resistenti al dolore. Da qui capiamo come al mondo ci siano davvero tantissimi tipi diversi di persone.

Si tratta di un'esperienza interattiva. I visitatori sono invitati a fare foto ed a giocare con alcuni degli oggetti presenti. Ovviamente, ci sono alcune cose che non possono essere toccate, ma in quel caso ci saranno degli avvisi a segnalarvelo.

Alcune cose che vi consigliamo di guardare:

  • Tunnel of Light -- Conosciuto anche come "The Black Hole"
  • Attrezzature mediche antiche
  • L'unica Gara di Laser a New York
  • In alcuni punti ci sono delle illusioni ottiche dove si possono scattare delle bellissime foto

  • Arte creativa ispirata a Darth Vader. Ideale per i fan di Star Wars.
  • La storia del disegnatore ed esploratore che ha ispirato il museo Robert L. Ripley 
  • Il Kit per la Caccia ai Vampiri

  • Molto altro ancora

Il Museo di Ripley's Believe It or Not si trova al 234 West 42nd St., New York, NY 10036. Solitamente è aperto dalle 9 fino all'1 di notte.


Cose da Fare a New York: Il Panorama dal Top of the Rock December 24 2017

Una delle cose più affascinanti di New York City è proprio il suo Skyline. La città offre tantissimi posti dai quali è possibile godere di questa bellissima vista. Il più popolare di tutti è il https://www.topoftherocknyc.com/ che si trova al 30 Rockefeller Plaza. Dal 70° piano dell'edificio si può godere di una spettacolare vista a 360° di tutta New York City. Da molti, è stato votato come il posto migliore dal quale godere del bellissimo skyline di NYC. Sole, vento o notte stellata, la vista vi lascerà senza fiato. Se avete tempo, vi consigliamo di andarci verso l'ora del tramonto. Sarà un momento molto romantico! La maggior parte dei tour organizzati per i turisti prevedono già una visita al Top of the Rock. Sarà uno dei momenti più belli del vostro viaggio.

Orari di Apertura

  • Ogni giorno dalle 8 fino a mezzanotte, sette giorni su sette. L'ascensore fa la sua ultima corsa alle 23:15.
  • In alcuni giorni festivi come: la vigilia di Natale, l'ultimo dell'anno ed il il primo dell'anno, l'orario di apertura può subire alcune variazioni.

Cosa Aspettarsi

  • Quando acquistate il biglietto, vi consigliamo di scegliere una data ed un orario specifici per la vostra visita. Sono disponibili anche alcuni biglietti senza prenotazione, ma è probabile che dobbiate fare un po' di fila prima di entrare.
  • L'entrata è sulla 50th Street tra la 5th e la 6th Avenue
  • A tutti i visitatori è chiesto di sottoporsi a dei controlli di sicurezza
  • Durante la visita, potrete anche ammirare un bellissimo lampadario fatto di Swarovski ed un'esibizione multimediale. Uno sky shuttle dalle mura di vetro vi porterà, poi, direttamente sul Top of th Rock.
  • Il panorama può essere ammirato da tre punti diversi:
  1.  Al primo terrazzo c'è il Radiance Wall - qui vi verrà raccontata la storia del Top of the Rock e di New York City
  2. Il secondo terrazzo è chiamato The Breezeway - si tratta di una zona completamente all'aperto
  3. Il terzo terrazzo è al 70° piano ed anche questo è tutto all'esterno. Qui non sono presenti vetrate ed è per questo che è anche il posto preferito dai visitatori che vogliono scattare le foto e fare i video.

  • Sole o pioggia, il Top of the Rock è sempre aperto. In caso di condizioni metereologiche avverse, i visitatori verranno avvertiti preventivamente, ma non sono previsti rimborsi per il cattivo tempo. Nonostante ciò, vi sarà comunque offerta la possibilità di acquistare gratuitamente un nuovo biglietto per un'altra visita.
  • Non sono previsti limiti di tempo alla visita. La maggior parte dei visitatori si fermano all'incirca per 45 minuti.
  • Al 66° piano ci sono anche le toilette.
  • Sul Top non c'è un ristorante, ma salendo ci sono diversi punti in cui è possibile acquistare degli snack.
  • Il Rockefeller Center Tree e lo Skating Rink non sono visibili dal terrazzo, ma è possibile accedervi dall'atrio.

  • Al Top of the Rock si possono osservare anche le foto ed i video che gli altri visitatori hanno fatto e pubblicato utilizzando gli hashtag #TopoftheRock, #RockCenter, #RockShops #RockEats

Costi

Vi consigliamo di controllare se il Top of the Rock è incluso nel pacchetto del vostro tour turistico. Se così non fosse:

Prezzo di entrata per gli Adulti: $34

Prezzo di entrata per i Bambini: $28

Il Top of the Rock è ufficialmente una delle destinazioni più gettonate di New York. Godetevi la vista!